BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIMICA/ L’industria "invisibile" mette in mostra i suoi colori

Pubblicazione:

La nuova sezione del Museo della scienza e della tecnologia di Milano dedicata alla chimica  La nuova sezione del Museo della scienza e della tecnologia di Milano dedicata alla chimica

Questo Anno Internazionale della Chimica 2011 sta diventando il catalizzatore di alcune interessanti “reazioni” che vedono tra i reagenti il mondo delle industrie, quello della ricerca e il più vasto pubblico: esito del processo è l’incremento del dialogo fra i tre mondi e la consapevolezza dell’importanza per la vita di tutti i giorni di questa scienza, l’unica che ha legato il suo nome a un comparto industriale, l’industria chimica appunto. Ultima di queste reazioni virtuose è quella che si è avviata ieri a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia dove si è inaugurata una nuova sezione dedicata alla chimica di base in partnership con Federchimica-Assobase.

Il pianeta chimica è un sistema molto complesso e articolato, i cui contorni sfuggono ai più; certamente sfugge proprio la chimica di base, da alcuni indicata come un settore “invisibile”, ma che è di fatto indispensabile per la vita e lo sviluppo economico e sociale. Raccontare questo settore invisibile, come fanno qui al Museo milanese, significa presentare i processi che realizzano buona parte delle materie prime fondamentali per l’intera filiera della produzione chimica e per quasi tutti gli altri settori industriali. Significa incrociare i numerosi contenuti tecnico-scientifici con gli aspetti culturali e con le abitudini individuali e sociali; assumendo come parole chiave termini decisivi per la vita di oggi come nutrirsi, curarsi, comunicare, vestirsi.

L’industria chimica di base è proprio “alla base” di quasi tutte le industrie, chimiche e non. Essa trasforma le materie prime in molecole che vende ad altri settori dell’industria chimica, ad altri settori industriali e in minima parte direttamente ai consumatori: ogni anno nel mondo produce 1000 milioni di tonnellate di sostanze chimiche che determinano la qualità della vita moderna: dalla potabilizzazione delle acque, alla produzione di medicine, alle auto.



  PAG. SUCC. >