BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FISICA/ Grazie all’ologramma a colori reali, vedremo la TV in 3D senza occhialini

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia

Com’è noto, l’olografia è una tecnica ottica sviluppatasi negli anni Sessanta con l’avvento del laser, che consente di ottenere immagini tridimensionali. Guardando l’ologramma di un oggetto da angolature diverse è perciò possibile osservare lo stesso oggetto da prospettive differenti e cogliere particolari nascosti che una semplice fotografia non è in grado di mostrare. Per realizzare un ologramma è necessario utilizzare la luce coerente di un laser e lastre fotografiche ad altissima risoluzione.

Il procedimento di registrazione di un ologramma, nella sua forma più semplice – quella proposta dallo stesso Gabor, l’ideatore dell’olografia - consiste nell’inviare sulla lastra fotografica due differenti contributi luminosi: la luce diffusa dall’oggetto di interesse, opportunamente illuminato con un fascio laser, e un secondo fascio luminoso (chiamato fascio di riferimento) proveniente dalla stessa sorgente laser. Il risultato della sovrapposizione di queste due onde luminose è una fitta e intricata figura d’interferenza che, una volta ri-illuminata con il fascio di riferimento (dopo avere sviluppato la lastra fotografica) permette di ricostruire per diffrazione lo stesso fronte d’onda generato dall’oggetto durante la fase di registrazione. L’ologramma perciò restituisce una visione dell’oggetto come se questo fosse ancora presente sulla scena e diffondesse la luce del laser attraverso la lastra fotografica.

Modificando opportunamente il procedimento di registrazione (che comunque deve sempre essere effettuato con luce laser) è possibile ottenere ologrammi che possono essere osservati direttamente in luce bianca. È il caso, ad esempio degli ologrammi incisi sulle carte di credito. Le immagini restituite da questi ologrammi sono a colori e molto appariscenti ma, se osservate con attenzione, mostrano i propri limiti: infatti i colori non sono quelli reali dell’oggetto riprodotto e cambiano a seconda dell’angolo con cui l’ologramma viene osservato.

Per superare questi limiti, recentemente un gruppo di ricercatori giapponesi ha messo a punto una nuova tecnica olografica che sfrutta il fenomeno dei “plasmoni superficiali”. Col termine plasmoni superficiali sono normalmente indicate delle “quasi-particelle” risultanti dalla quantizzazione delle oscillazioni collettive degli elettroni liberi (plasma) che propagano come onde superficiali in film metallici (tipicamente di oro e argento) molto sottili. Opportunamente eccitati (ad esempio per mezzo della radiazione luminosa), i plasmoni superficiali generano campi elettromagnetici che danno luogo a onde evanescenti fortemente confinate in prossimità della superficie metallica.



  PAG. SUCC. >