BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OCCHIO IN PROVETTA/ Esperimento giapponese, ottenuto con cellule di topo

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

OCCHIO IN PROVETTA PER RETINE ARTIFICIALI - Una ricerca scientifica che apre strade nuovissime per la cura degli occhi. Sarà possibile creare retine artificiali da usare in caso di trapianti per persone colpite da malattie degenerative. Anche i ricercatori scientifici che hanno compiuto l'esperimento si aspettavano un risultato del genere. La scoperta è stata pubblicata sulla copertina della rivista "nature", nella quale gli studiosi giapponesi parlano in modo approfondito di quanto hanno ottenuto.

Si tratta del primo occhio in provetta da cellule staminali ottenuto all'istituto Riken di Kobe in Giappone. Anche se l'entusiasmo è tanto, i ricercatori chiariscono che ci vorranno anni prima di procedere. Guidati dal professore Yoshiki Sasai, hanno lavorato biologi dello sviluppo, bioingegneria, biochimici: per fare ciò, hanno fatto impiego di cellule staminali embrionali di topo. Le cellule sono state sistemate in una cultura cellulare preparata per la specifica e quindi sono state lasciate a svilupparsi. Le cellule nel giro di dieci giorni si sono organizzate da sole e hanno creato quelli che sono stati chiamati "calici ottici". Si tratta dei ciò che precede la formazione stessa dell'occhio: due tipi di cellule tridimensionali che poi sviluppano la retina stessa. Gli studiosi non se lo aspettavano: soprattutto che si organizzassero in maniera assolutamente indipendente.




  PAG. SUCC. >