BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREMI/ Templeton: un milione di sterline a Rees, il teorico che guarda ai fatti

Pubblicazione:

Martin Rees, vincitore del premio Templeton (Ansa)  Martin Rees, vincitore del premio Templeton (Ansa)
<< Prima pagina

E nel libro citato sopra, si era spinto molto in là, proponendo un titolo che suona come un ossimoro: “Prima dell’inizio” (Raffaello Cortina 1998); su questo i filosofi avrebbero (e hanno avuto) molto da dire. Ma dalla sua Rees ha il fatto che non vuole nascondere la sua scarsa preparazione filosofica e, a differenza dell’ex compagno di studi, non pretende di dedurre dalla scienza delle verità generali e assolute sul cosmo e sulla vita.

In più, e soprattutto, c’è il fatto che pur essendo un fisico teorico, di quelli che amano lanciarsi tra gli spazi a dieci dimensioni e che disegnano un’evoluzione cosmica fatta di universi multipli, Rees è un teorico che guarda ai fatti, come gli ha riconosciuto lo stesso Hawking: “gran parte del mio lavoro non è ancora stato confermato dall’osservazione. Martin invece ha sempre lavorato in stretto contatto con le osservazioni e con ciò che esse ci possono raccontare sulla natura dell’universo”.

Chissà se dopo l’assegnazione di un Premio del genere, alla prossima celebrazione liturgica ascolterà ancora il coro del Trinity College pensando che si tratta solo di metafore senza riferimento a un Fatto reale?

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.