BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

11 MAGGIO 2011/ Roma città fantasma per il terremoto “predetto” da Bendandi, ma l’inferno è stato in Spagna

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il terremoto in Spagna (Foto Ansa)  Il terremoto in Spagna (Foto Ansa)
<< Prima pagina

Invece, a proposito del terremoto giapponese dell'11 marzo, Bendandi avrebbe predetto l'evento ma sbagliando l'epicentro di circa 500 chilometri. Ma anche su questo fatto, il professor Amato dell'INGV contesta il dato circolato: "Da quello che mi hanno detto i membri dell'Osservatorio di Faenza, perché io non ho ancora visto documenti relativi a questa cosa, è vero che lui ha parlato dell'11 marzo 2011 ma non è chiaro a cosa si riferisse esattamente, se a un terremoto o ad una esplosione vulcanica solare. E' una delle cose che vogliamo appurare studiando le sue carte. Non crediamo molto in realtà nel ruolo diretto di questi allineamenti dei pianeti sui terremoti. I terremoti sono generati da forze interne alla terra, non esterne ad essa". Tutti gli studiosi di terremoti sono concordi su una cosa: al momento attuale è scientificamente impossibile prevedere il giorno in cui si scatenerà un terremoto. 

IL TERREMOTO IN SPAGNA - Ore 17 circa dell'11 maggio 2011. Un violento terremoto di magnitudine superiore ai 5 gradi della scala Richter si scatena nella Spagna del sud est, provincia della Murcia. Alla fine ci saranno otto morti, diecimila evacuati e ventimila persone che hanno passato la notte in strada per paura di altre scosse. Come nel caso dell'11 marzo in Giappone, Bendandi ha predetto il giorno dell'evento, ma ha sbagliato di qualche centinaio di chilometri l'epicentro? E' quello che dicono oggi in molti. Che sia, ancora una volta, una incredibile coincidenza, è un dato di fatto che l'11 maggio 2011 un terremoto mortale c'è stato. Ma, lo ricordiamo: Bendandi non lo aveva mai detto. Epicentro del sisma spagnolo è stato la città di Lorca, 90mila abitanti, con due scosse ciascuna di magnitudo 4.5 e 5.3. Sono otto i morti e 160 i feriti. La regione della Murcia è una zona a rischio sismico ben conosciuta, vittima spesso di scosse di terremoto anche se non di questa intensità. La scossa è stata avvertita anche a Madrid senza conseguenze di alcun tipo. Come L'Aquila, la località di Lorca è molto antica e con edifici di vecchia costruzione: si è ad esempio sbriciolato letteralmente il campanile di una chiesa. Il territorio in cui è avvenuto il terremoto si trova sul punto di congiuntura delle due grandi placche quella europea e quella africana. L'analogia con l'Italia, in particolare l'Abruzzo, sta nel fatto che anche questo è un territorio montuoso, ma il livello di frequenza di eventi sismici è molto più basso di quello italiano o greco. 

CLICCA QUI SOTTO > PER CONTINUARE A LEGGERE DEL TERREMOTO DELL'11 MAGGIO 2011 A ROMA E LA TEORIA DI BENDANDI



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >