BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Nanotecnologie per l’ultrapurificazione delle acque

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Lo aveva già dichiarato il loro scopritore, il premio Nobel 2003 per la chimica Peter Agre: le acquaporine sono un ottimo filtro per l’acqua e possono essere la chiave per arrivare a una efficace tecnologia per la sua purificazione. Agre, biologo molecolare della Johns Hopkins di Baltimora (Usa), aveva trovato queste proteine – che poi ha battezzato come acquaporine - in nanostrutture naturali a forma di microscopici canali in grado di trasportare acqua e quindi di spiegare la grande permeabilità delle membrane cellulari.

Le sue dichiarazioni sono state prese sul serio dai gruppi che partecipano al MEMBAQ (Incorporazione di Aquaporine in membrane per applicazioni industriali), un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito delle ricerche di nanotecnologie applicate alla ultrapurificazione del’acqua.

Da tempo si studiano metodi speciali per questo scopo e sono stati sviluppati vari tipi di membrane; tuttavia nessuna di queste riesce a filtrare e purificare l’acqua completamente. Ora, con le acquaporine le cose sembrano cambiare. La loro particolare struttura rende possibile il passaggio solo di pure molecole di H2O, cioè acqua; perciò il loro inserimento in membrane per la filtrazione consente di rimuovere dalle acque ogni altra particella e agente patogeno con un’efficienza imparagonabile a qualunque altro tipo di membrana finora realizzata.

La sfida principale attualmente è quella di rendere queste nuove membrane applicabili ai processi industriali. Gli sforzi si sono fin qui concentrati nel tentativo di supportare le acquaporine con uno strato di idrogel flessibile che viene reso stabile con l’applicazione di un film di Teflon perforato in grado di contenere l’idrogel e le gocce di acquaporine. Con questo sistema si punta a sviluppare membrane in grado, ad esempio, di riciclare acque di scarico rendendole potabili o di attuare processi di desalinizzazione.

 



  PAG. SUCC. >