BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANITA'/ Milano, due gemelli vengono fatti nascere a un mese di distanza l'uno dall'altro

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

SANITA' GEMELLI MILANO - E' un caso record. Due gemelli sono stati fatti nascere a distanza uno dell'altro, una distanza di ben quattro settimane. Una nascita record, perché già in precedenza alcuni gemelli erano stati fatti nascere a distanza, una distanza però al massimo di pochi giorni. Era successo sempre in Italia, a Cuneo, dove tre gemellini erano nati il 13, il 16 e il 17 ottobre del 2010. IlSussidario.net ha intervistato il dottor Parenti, ginecologo all'ospedale di desio, il quale ha confermato che un parto del genere è estremamente raro e non sempre si conclude in modo così fortunato: "Ha sicuramente giovato il fatto che sia avvenuto in una struttura altamente specializzata come l'ospedale Mangiagalli" ha detto. Il resto dell'intervista al dottor Parenti nelle pagine successive.

Adesso invece si è preferito aspettare addirittura un mese. E successo all'ospedale Mangiagalli di Milano. E' successo a una donna di 41 anni originaria di Ponte Lambro in provincia di Como. Il 18 marzo scorso comincia ad avere le doglie, si tratta del quinto mese di gravidanza. Doglie decisamente anticipate ovviamente. I medici ritengono che farli nascere in questo momento non sia una cosa positiva, troppi i rischi. Ma un primo parto è però inevitabile. Nasce Gregorio, solo 650 grammi di peso, immediatamente sottoposto alle cure del caso. Il secondo bimbo invece viene deciso di lasciarlo ancora in pancia, in attesa che si compia il regolare periodo gestionale.Ma perché accada ciò, ala donna vengono dati farmaci che bloccano le contrazioni e antibiotici per rendere vano il rischio infezioni.

In poche parole: una situazione altamente delicata, ad alto rischio. Fortunatamente, tutto procede regolarmente e dopo quattro settimane nasce anche il secondo bimbo, esattamente il 18 aprile, un chilo alla nascita.  Saranno gemelli per diritto naturale, ma non sulla carta di identità. Secondo il primario di ginecologia della Mangiagalli, Luigi Fedele, non si è trattar di una scelta premeditata decisa a tavolino. Sono state una serie di circostanze fortunate.



  PAG. SUCC. >