BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INQUINAMENTO/ Rapporto Ispra: Palermo è la città con più verde

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica
<< Prima pagina

In sostanza, aumenta il suolo abitato, diminuisce il verde. In più della metà delle città prese in considerazione, l’insieme dei parchi e dei giardini si attesta attorno al 5% soltanto. Solamente in 6 capoluoghi si oltrepassa la soglia del 20: Palermo è la prima, con il 31,9% di verde. Seguono Ravenna (29,9%), Brescia (29,1%), Ancona (28,1%), Roma (27,5%) e Monza (25,9%). La maglia nera spetta invece a Taranto (meno dello 0,05%), seguita da Foggia (0,2%),Latina (0,5%) e Potenza (0,9%).

CALA IL PARTICOLATO - Notizia positiva. Diminuisce l’inquinamento. Proprio così. Prendendo in considerazione la maggior parte dei principali agenti inquinanti (polveri sottili, ossidi di azoto (NOx) e di zolfo, ammoniaca, benzene) si rileva una sostanziale, diminuzione. In città come Milano, Roma, Torino, Taranto e Napoli il particolato (Pm10 primario, l’insieme di particelle liquide e solide disperse nell’ambiente, come (fibre, metalli, particelle carboniose, inquinanti liquidi o solidi) che proviene dalle industrie o dal traffico stradale è in calo.

Attenzione: questo non significa che non sia a livelli allarmanti (le maggiori concentrazioni di agenti inquinanti si trovano nelle città del nord, specie della Pianura Padana), ma che l’allarme è in calo. Questo è dovuto, in gran parte, al maggior utilizzo di  mezzi pubblici. Sempre più cittadini lasciano a casa l’auto per utilizzare autobus, metropolitane o tram. Meno vetture, quindi, a Milano (-2,9%) a Venezia (-3,5%) e Roma, (-5,2%). Male Pescara (-0,4%) e Sassari (-0,3%). Chi



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >