BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BATTERIO KILLER/ L’infettivologo: vi spiego da dove viene l’epidemia da Escherichia coli

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Una coltura batterica (Immagine FOTOLIA)  Una coltura batterica (Immagine FOTOLIA)
<< Prima pagina

 

DANNI DA 200 MILIONI - Il vice primo ministro Alfredo Perez Rubalcaba ha affermato che Madrid potrebbe citare in giudizio il Comune di Amburgo, i cui funzionari hanno sollevato per primi l’allarme, per danni già stimati a oltre 200 milioni di euro a settimana. Un portavoce della Federazione tedesca degli agricoltori (Dbv) ha affermato che i produttori di verdure «stanno perdendo come minimo da due a tre milioni di euro al giorno», in quanto «i consumatori sono ovunque sospettosi». Gli scienziati e i funzionari delle organizzazioni sanitarie affermano di avere identificato il virulento batterio Escherichia coli come il responsabile dell’epidemia, che ha colpito principalmente la Germania del Nord. «Speriamo che le nuove analisi consentiranno di identificare le vere cause dell’infezione», ha affermato l’Istituto tedesco per la Valutazione della sicurezza (BfR). Circa 2mila persone si sono ammalate per avvelenamento da Escherichia coli, con casi segnalati in Svezia, Danimarca, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Austria, Francia, Spagna, Svizzera e Repubblica Ceca.

IL PARARE DELL’INFETTIVOLOGO - Per fare chiarezza sulla vera natura del «batterio killer», Ilsussidiario.net ha intervistato il professor Adriano Lazzarini, infettivologo dell’ospedale San Raffaele di Milano.

Lazzarini, fino a che punto il «batterio killer» è realmente pericoloso?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >