BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIBATTITI/ Senza import di soia (transgenica), addio Parmigiano

Pubblicazione:

Semi di Soia (Foto Imagoeconomica)  Semi di Soia (Foto Imagoeconomica)

In un precedente contributo abbiamo citato il triticale come esempio di miglioramento genetico che offre spunti per diverse considerazioni sul tema dibattuto degli Ogm. La vicenda merita ulteriori considerazioni. Come quella che il triticale ha avuto, dal punto di vista genetico, uno stravolgimento enorme per quanto riguarda il suo DNA e i geni in esso contenuti.

È pura follia parlare di “modifica genetica” per una pianta transgenica di soia in cui è stato inserito un gene della pianta stessa per eliminare, ad esempio, un allergene potenzialmente mortale; come è follia considerare solo questa modificazione così pericolosa da impedirne la commercializzazione (e in un Paese come l’Italia è impedita anche la coltivazione in campo a soli fini di ricerca). Nello stesso momento si passa sotto silenzio che creare una nuova specie come il triticale comporta modificazioni genetiche su vastissima scala con rischi non trascurabili e comunque molto ma molto più reali della soia sopra menzionata.

Ricordo che immettere sul mercato una nuova varietà di frumento o di patata non richiede una verifica sperimentale puntuale della sua pericolosità dal punto di vista ambientale e sanitario, nonostante si siano verificati in passato casi di danni accertati con nuove varietà, per esempio, di patata o di sedano. Non sto invocando qui sulle piante convenzionali una normativa restrittiva uguale a quella soffocante che grava su quelle transgeniche, ma che si riconosca che la transgenesi non è altro che l’ultimo modo (e il più preciso!) per modificare i geni degli organismi. La precisione della tecnica non implica automaticamente certezza di innocuità, ma neanche il suo contrario. Vale a dire che occorre giudicare ogni nuova pianta, prodotta per transgenesi o con metodi meno precisi, in base alle sue caratteristiche e non al metodo usato per crearla.

Alcuni ammettono che tutte le piante coltivate dall’uomo siano in qualche modo geneticamente modificate e quindi la transgenesi non sarebbe intrinsecamente pericolosa, ma sostengono che l’Italia non avrebbe bisogno dei transgenici e quindi non avrebbe neanche bisogno di coltivarli. L’Italia, dicono, ha la sua biodiversità (ricchezza di varietà) e peculiarità di prodotti da esportare che verrebbero messi in pericolo perchè diventerebbe tutto omologato. Il transgenico va bene nei posti di grandi distese, ma qui da noi - continua l’argomentazione - la ricchezza di prodotti, la reddittività e l’impiego intelligente può garantire ai nostri agricoltori la sopravvivenza economica e ai consumatori un circuito alimentare sano e di qualità.

Se i transgenici non portano benefici alla nostra agricoltura, allora il problema non si pone perchè i coltivatori non avrebbero alcun motivo per coltivarli. Non è però noto ai più che l’Italia importa 4 milioni di tonnellate all’anno di soia e derivati che sono transgenici tra l’80% e il 100%, essendo importati dal Sud America, dove la soia transgenica è ampiamente coltivata. Guardare la banca dati Fao per credere.



  PAG. SUCC. >