BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ Quando i nodi delle galassie vengono al pettine

Pubblicazione:

La classificazione delle galassie di Hubble (Fotolia)  La classificazione delle galassie di Hubble (Fotolia)

Analizzando i dati, raccolti dallo strumento SAURON, i ricercatori si sono accorti che solo un terzo del campione di galassie early-type è davvero un rotatore lento, mentre i restanti due terzi sono rotatori veloci. Di qua l’idea che le prime siano davvero galassie con forma sferoidale, mentre le seconde galassie di forma a disco, ma senza spirale (‘nude’, come le ha definite Cappellari), che siccome vediamo di faccia ci appaiono, una volta proiettate sul cielo, indistinguibili dalle prime se ci limitiamo all’analisi delle sole immagini.

Se i ricercatori hanno ragione, la forcella di Hubble potrebbe essere sostituita da un "pettine", con un manico costituito da galassie non a spirale in ordine di velocità di rotazione - dalle più lente alle più veloci - e dei "denti" (le galassie a spirale) collegati al manico attraverso le loro cugine "nude" a rapida rotazione.

Per poter soppiantare una classificazione che ha resistito così tanto nel tempo, è necessario tuttavia avere una mole di dati in grado di giustificarlo. Per questo Cappellari e il resto del team, composto da una trentina di scienziati, hanno in progetto di ripetere l’analisi su un campione circa 100 volte più grande di quello attuale.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.