BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTE(?)/ La vita artificiale, la rx delle idee e gli altri falsi miti della "scienza"

Pubblicazione:

Craig Venter, scopritore della "vita artificiale" (Foto Ansa)  Craig Venter, scopritore della "vita artificiale" (Foto Ansa)
<< Prima pagina

Credo che l’unico antidoto a questa deriva sia quello di riportare il dibattito al livello strettamente artigiano della “bella scienza” del richiamo insomma a un “canone scientifico” condiviso per quel che riguarda i metodi statistici, la modellistica, la congruità delle misure, insomma tutto quello che è l’armamentario di chi la scienza la fa e non semplicemente ne commenta i risultati. Questo dovrebbe avvenire a un livello indipendente e nettamente separato da considerazioni di ordine etico o politico che, per quanto necessarie, dovrebbero non interferire con la pura valutazione di congruità di un risultato.

Altrimenti ci troveremmo (come già accade) a parlare di cose irrealizzabili come se già fossero presenti, cadendo nel gioco manipolatorio di chi vuole che la scienza sia comunque considerata onnipotente “a prescindere”, il che significherebbe la fine di quel meravigliosamente onesto e chiaro mestiere artigiano a cui diamo il nome di scienza.

Purtroppo molte forze remano contro questa richiesta di onestà, non ultima l’iper-specializzazione (completamente non necessaria, anzi deleteria) della ricerca che fa sì che sempre meno ricercatori siano consapevoli della basi metodologiche del loro mestiere limitandosi a perseguire fini limitatissimi e già decisi a priori. Ma queste difficoltà, lungi dall’abbatterci, ci devono spronare, la posta in gioco è troppo elevata per mollare...

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.