BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELISIR DI LUNGA VITA/ Dall'Isola di Pasqua una sostanza che allunga la vita

Pubblicazione:

Due bambini colpiti dalla sindrome di Progeria  Due bambini colpiti dalla sindrome di Progeria

E' il sogno dell'umanità da sempre. Un elisir di lunga vita, una sostanza cioè che faccia vivere a lungo, anzi a lunghissimo, meglio se si evita anche l'invecchiamento. Dalla lontana e misteriosa Isola di Pasqua potrebbe arrivare la risposta

RAPAMYCIN - La notizia risale a un paio di anni fa. Sull'Isola di Pasqua, al largo della costa cilena nel bel mezzo dell'Oceano pacifico, terra di misteri e segreti mai rivelati del tutto, alcuni ricercatori hanno trovato una sostanza dai poteri apparentemente magici. No, non è una favola, ma una realtà scientifica. Sebbene l'Isola celi misteri ancor irrisolti, come quello della sua antica popolazione che innalzò le caratteristiche e un po' inquietanti statue ciclopiche e poi sparì nel nulla, qui alcuni scienziati hanno individuato una sostanza chimica trovata in alcuni batteri del terreno. Si chiama rapamycin e ha un potere unico, quello di allungare la vita ringiovanendo le cellule del corpo umano di almeno dieci anni. Test condotti sui topi hanno dimostrato un aumento della vita del 28% in più per i maschi e del 38% per le femmine. Tradotto sugli esseri umani vorrebbe dire che gli uomini potrebbero vivere fino a 101 anni e le donne anche fino a 116 anni e mezzo.


LA SINDROME DELL'INVECCHIAMENTO PRECOCE - Prima di perdersi in sogni di questo tipo, però, è bene pensare a chi una sostanza come questa potrebbe usarla per sopravvivere, piuttosto che per allungarsi la vita a dismisura. Esiste infatti una terribile patologia, la sindrome di Hutchinson-Gilford Progeria che ha effetti terribili sulle persone che ne sono colpite. Si tratta di una condizione genetica che causa un processo chimico dannoso scatenando una proteina (la progerina) che colpisce le cellule del corpo umano causando un invecchiamento precoce. 



  PAG. SUCC. >