BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOTECNOLOGIE/ Un catalogo riduce i rischi dell’hi-tech “microscopico”

Pubblicazione:

Foto Fotolia  Foto Fotolia

Il mondo scientifico è sempre più lanciato nell’esplorazione delle nanostrutture o, più in generale, dei nanomateriali e delle loro applicazioni. Le nanostrutture sono “materiali nuovi” non per la natura chimica degli elementi che li costituiscono, ma per le dimensioni estremamente piccole degli oggetti: si parla di fogli, fili, cubetti o palline diecimila volte più piccoli della punta di un ago! Immaginate quante cose si possono fare con questi oggetti minuscoli: il genio del fisico Richard Feynman già nel lontano 1959 aveva profetizzato che saremmo riusciti a scrivere l’intera enciclopedia britannica sulla capocchia di uno spillo.

Ma le cose non sono banali come potrebbero sembrare: riducendo le dimensioni, infatti, variano anche le proprietà elettriche e ottiche dei materiali. Quello che accade dal punto di vista fisico è che diventano importanti gli “effetti quantistici”: si tratta di fenomeni sempre presenti in natura, ma che, quando gli oggetti si riducono a dimensioni nanometriche, diventano importanti e possono comportare cambiamenti drastici.

Ad esempio, con un processo di miniaturizzazione si possono produrre nanoparticelle d’argento, palline con un diametro di 50-200 nanometri che poste in acqua rendono il liquido di un colore giallognolo molto simile all’olio d’oliva, nulla a che vedere con l’aspetto grigio e lucido dei gioielli o degli specchi! La capacità di manipolare materiali, conduttori e isolanti, su scala nanometrica dà quindi il potere di variarne le proprietà e le funzioni: una sfida alquanto intrigante!

Certamente il campo che vede la più vasta applicazione delle nanotecnologie è quello della microelettronica. Ognuno di noi possiede un cellulare o un pc, che funzionano grazie a circuiti logici e memorie: le parti che compongono questi dispositivi hanno dimensioni che vanno dalle decine alle centinaia di nanometri. In particolare, per ottenere memorie sempre più efficienti sono state sviluppate celle via via più piccole, usando come materiale principale il silicio.

Oggigiorno la corsa alla miniaturizzazione del silicio è giunta al termine proprio a causa di alcuni “effetti quantistici” e la ricerca sta già esplorando nuovi materiali (calcogenuri tra cui il GST) e nuove strutture che permettano di proseguire lo sviluppo di strutture efficienti. Per sfruttare lo spazio e migliorare le performance dei dispositivi microelettronici i ricercatori stanno lavorando alla realizzazione di stock di celle di memoria non più bidimensionali ma tridimensionali, una sorta di grattacielo alto circa 1 micrometro, cioè un millesimo di millimetro.



  PAG. SUCC. >