BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENERGIA/ Un impianto protetto dal dio Sole e attivato dai sali fusi

Pubblicazione:

Produrre energia in Egitto (Fotolia)  Produrre energia in Egitto (Fotolia)

Se c’è un Paese dove il Sole ha una posizione centrale, questo è l’Egitto. Fin dalle lontane origini tutto è ruotato attorno al Sole che ha assunto un ruolo fondamentale nella vita quotidiana, nella cultura e nella  storia. Un luogo ideale anche oggi per parlare di solare e per sperimentare nuovi modelli di impianti di produzione di energia. E non c’è neppure il problema di far fronte alle giornate nuvolose, almeno nelle vaste aree interne dove la fonte solare è praticamente continua.

Resta però sempre il problema della notte e comunque vanno previsti momenti di assenza dell’insolazione, ad esempio nelle zone con clima più mediterraneo come sulla costa, dove peraltro è più richiesta la fornitura di energia per svariati utilizzi. C’è quindi la necessità di pensare a impianti con efficienza elevata e in grado di accumulare l’energia solare catturata..

A questo è orientato un nuovo progetto MATS (Multipurpose Applications by Thermodynamic Solar) avviato in questi giorni dall’ENEA e che punta alla costruzione di un impianto solare termodinamico basato su speciali tecnologie messe a punto dal nostro ente di ricerca energetica e ambientale.

Nell’arco di 42 mesi e per un valore complessivo di circa 22 milioni di euro, di cui 12,5 stanziati dalla Commissione europea nell’ambito del 7° Programma Quadro, il progetto MATS intende realizzare un impianto in grado di produrre elettricità, calore, raffreddamento e acqua dissalata, utilizzando l’energia solare integrata con altre fonti energetiche localmente disponibili.

La tecnologia di riferimento sviluppata dall’ENEA, già utilizzata nell’impianto Archimede dell’Enel a Priolo Gargallo (SR), prevede l’utilizzo di sali fusi quale fluido di processo e di un sistema di accumulo termico che permette di distribuire energia anche in assenza di fonte solare. In questo tipo di centrali solari, vengono posizionati dei tubi speciali nel fuoco di una parabola di specchi che ha la funzione di concentrare l'energia solare; all'interno dei tubi scorre il fluido termovettore ai sali fusi.



  PAG. SUCC. >