BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUPERNOVA/ E' nata "PTF11kly", la stella più luminosa di tutte

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

La supernova sarà visibile tra la seconda e la terza stella dell'Orsa  La supernova sarà visibile tra la seconda e la terza stella dell'Orsa

Nel nostro cielo è nata una supernova ed ha il nome di “PTF11kly”. Volendo essere più precisi questa stella, nata dall’esplosione di nana bianca, cioè una stella grande quasi come il nostro Sole, è nata circa ventuno milioni di anni fa, ma la luce è arrivata fino alla Terra solo ora.

VENTUN MILIONI DI ANNI FA - La supernova è stata osservata da un gruppo di astronomi attraverso l’utilizzo di un sistema robotizzato per le osservazioni astronomiche, il “Palomar Transient Factory”, che si trova nell’osservatorio astronomico di Monte Palomar, in California. L’avvistamento è avvenuto nella galassia M 101, detta anche “girandola” per la perfetta forma a spirale che la contraddistingue, che si trova a circa 21 milioni di anni luce da noi verso la costellazione dell’Orsa Maggiore. Appena osservata dal sistema robotizzato, i dati sono stati inviati ai computer del National Energy Research Scientific Computing Center, che li ha elaborati e analizzati. Venuti a conoscenza della incredibile notizia, si sono attivati tutti gli altri grandi telescopi terrestri, come il Keck alle Hawaii o il Lick Observatory in California, o il telescopio spaziale Hubble, per poter documentare anche loro l’evento. La “PTF11kly” è la supernova di questo tipo più vicina osservata negli ultimi 40 anni e il fatto di averla individuata così presto  permette di poter effettuare approfondite ricerche su questo tipo di esplosioni stellari di cui ancora non si conosce tutto. Soprattutto si potranno chiarire i tanti cambiamenti che una supernova subisce in questa prima fase prima d’ora mai vista, cioè quando gli strati più esterni della stella che sta per esplodere emettono la maggior parte della luce. Mark Sullivan, membro del team impegnato nella osservazione e della Oxford University, commenta: “Era lo scoppio davvero molto raro di una supernova molto particolare. Appartiene ad una famiglia utilizzata per misurare l'espansione dell'Universo”. Questa stella appartiene infatti alle supernove di tipo Ia che, a differenza degli altri tipi che nascono dall’improvviso collasso di stelle massicce, hanno origine da stelle nane bianche che appartengono a sistemi binari che superano il limite di massa di stabilità dopo aver preso materia dalla stella compagna.



  PAG. SUCC. >