BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREISTORIA/ Rinoceronti e altre comparse per l’Era Glaciale (al museo)

Pubblicazione:

Fotolia  Fotolia

Proprio questo fatto getta una nuova luce sull’origine e la diffusione dei grandi mammiferi nel Pleistocene. Animali adatti al freddo come i rinoceronti lanosi dovevano trovarsi nelle zone a clima veramente rigido del pianeta (a quei tempi poche): l’altopiano tibetano da questo punto di vista era un luogo corrispondente alle caratteristiche dei giganti lanosi.

L’ipotesi che si formula nella pubblicazione degli studiosi è perciò quella di considerare l’altopiano tibetano come la culla di fatto dei rinoceronti lanosi - e forse di altri mammiferi -, e sembra rispondere all’interrogativo sulle zone di origine dei grandi mammiferi che dominavano la terra dopo i grandi dinosauri. La parabola storica, dunque, potrebbe aver visto i rinoceronti lanosi - e forse qualche altro “compagno”-, relegati per millenni nei freddi altopiani tibetani e poi, con l’abbassarsi della temperatura media globale, spingersi ad allargare le regioni in cui vivere, e quindi riversarsi nelle lande sterminate eurasiatiche, ormai ghiacciate.

In aggiunta al nuovissimo rinoceronte lanoso, i paleontologi hanno anche trovato specie estinte di cavalli a tre dita (Hipparion), della Pecora Bharal Tibetana (Pseudois), del Chiru (Panthilops, conosciuta anche come antilope tibetana), del Leopardo delle nevi (Uncia) e di altre 24 specie di mammiferi.

«I posti freddi, come il Tibet, l’Artico e l’Antartico, sono quelli nei quali nel futuro verranno fatte le scoperte più inattese - dice Wang-; queste sono le frontiere che ancora restano largamente inesplorate». E Richard H. Lane, della Divisione Scienze Naturali della National Science Foundation (NSF), osserva: «Questa scoperta chiarifica le origini del rinoceronte lanoso e forse di molta della grande fauna Eurasiatica del Pleistocene, ora estinta e adattata al freddo: gli ambienti ad elevata altitudine nel Bacino dello Zanda della primordiale Himalaya del Pliocene».

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.