BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BATTERI KILLER/ Gli antibiotici non riescono più a fermare le infezioni. L'esperto: "Le industre non investono"

Pubblicazione:

Antibiotici  Antibiotici

Sono gli antibiotici che non vanno più bene come tipo di cura, o si sono sviluppati geni batterici così potenti da non poter essere curati? "Gli antibiotici hanno una potenza più che sufficiente per debellare una infezione" spiega Lazzarin, "là dove riescono ad arrivare perché non sempre possono arrivare in certe parti dell'organismo umano. Dove arrivano però uccidono i germi. Non uccidono quei germi che sono appunto resistenti. Si tratta di germi selezionati dall'antibiotico, non congruente al bisogno che c'era di usare quel tipo di antibiotico o perché casualmente uno dei ceppi esposto all'antibiotico si  è selezionato e ha dato origine a un batterio che ha trovato le situazioni favorevoli per svilupparsi". Che fare per trovare una via d'uscita al problema? "Ci sono antibiotici di nuova generazione che funzionano con ceppi resistenti ma non sempre è così facile: ci sono ceppi come coli  (il recente caso della E.coli che ha colpito la Germania) che non sono più sensibili agli antibiotici esistenti. Il problema è che l'industria farmaceutica non investe in questo settore. Essendo casi molto ristretti come numero, e costando eventuali investimenti cifre molto grosse, l'industria preferisce non investire in questa ricerca".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.