BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BIOLOGIA/ Contrordine: il codice genetico non ha in pugno il nostro destino

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia

Sono questi giorni forieri di grandi rivoluzioni scientifiche? Pare proprio di sì: appena una settimana prima della notizia che i neutrini sono più veloci della luce, un’altra scoperta, pubblicata sul numero di Science on line del 15 e su Nature on line del 20 settembre, scuote il mondo della biologia. Il DNA, la struttura molecolare depositaria del nostro patrimonio genetico, non è poi quel moloch che controlla il nostro destino (“the genes are our destiny”, come recita tanta divulgazione).

I risultati delle ricerche dei team diretti da J. Ecker (Salk Institute for Biological Studies) e di D. Weigel (Max Planck Institute) documentano che il DNA è un oggetto molto più fluido di quanto si pensasse: soprascritto sul codice genetico c’è un altro codice, il “codice epigenetico”. È noto che l’informazione nel DNA è contenuta nella sequenza delle quattro basi canoniche (adenina, guanina, citosina, timina), ma  meno noto è il fatto che una di esse, la citosina, può essere modificata da reazioni metaboliche della cellula mediante l’aggiunta di un gruppo metilico.

Questa piccola alterazione non è senza conseguenze: la sequenza sottostante di DNA rimane immodificata, ma la presenza di metilcitosina, invece di citosina,  altera l’espressione del gene che la contiene: ne consegue che il numero e la localizzazione di metilcitosine nel DNA di un organismo costituisce una nuova fonte di informazione, l’informazione epigenetica, fondamentale per il differenziamento cellulare e lo sviluppo dell’organismo.

Infatti è a tutti chiaro che le cellule di un organismo pluricellulare hanno lo stesso DNA, ma é altrettanto chiaro che le cellule di un organismo non sono tutte uguali (una cellula di cuore ad esempio é diversa da una cellula di fegato). Questa diversità dipende dal fatto che i geni espressi nelle due cellule non sono gli stessi e la causa di ciò, almeno in parte,  è nella diversa localizzazione delle metilcitosine nel DNA dei vari tessuti dell’organismo.



  PAG. SUCC. >