BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA RICERCA/ L'esperto: la nicotina? Utile per trattare i sintomi del Parkinson

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Attenzione, però, fumare fa comunque male alla salute (Foto InfoPhoto)  Attenzione, però, fumare fa comunque male alla salute (Foto InfoPhoto)

Assolutamente no, perché in condizioni di prestazione ordinaria la nicotina non porta a nessun beneficio a livello prestazionale. Può invece ovviare a delle situazioni di sovraccarico di lavoro o mentale, o di improvvisi stimoli che attraggono assiduamente la nostra attenzione. In quel caso il fumatore può aver una prestazione migliore di un non fumatore, ma si tratta di situazioni che non sono ordinarie della vita quotidiana, perché noi non viviamo in questo mondo prestando attenzione semplicemente agli stimoli, ma operando delle inferenze. Quindi, per esempio, quando qualcuno ci sta parlando, anticipiamo in qualche modo le parole che ci vengono riferite e il contenuto più ampio del discorso, proiettandoci nel futuro e anticipando tutta una serie di operazioni cognitive per essere il più efficienti possibile.
Però cerotti alla nicotina o altri prodotti simili potrebbero essere usati per applicazioni terapeutiche?
Potrebbero essere un inizio: esiste tutta una letteratura abbastanza recente in cui viene spiegato che la nicotina funge da neuro protettore, e animali come scimmie e topi sottoposti a forme di distruzione dei neuroni che utilizzano per le loro trasmissioni neurochimiche dei loro trasmettitori come la dopamina, trattati con la nicotina mostrano una minore distruzione di questi neuroni. Quindi la nicotina non solo opera come protettrice dell’integrità strutturale del neurone, ma amplifica anche la capacità operazionale dei neuroni, e questo è in linea con i risultati che abbiamo ottenuto anche noi.
Possiamo allora dire che, tolta la cartina, il catrame e tutte le sostanze nocive, è la stessa nicotina che fa bene?
No, perché in soggetti non adattati alla nicotina, questa sostanza può portare grossi effetti collaterali, da un punto di vista cognitivo e neurofisiologico. Una volta assunta, la nicotina può far verificare una serie di sintomatologie fisiologiche che le persone possono percepire più che apertamente sottoforma di sudorazione, agitazione psicomotoria, aumento del battito cardiaco e del livello respiratorio, senza contare che questo può anche portare a delle problematiche di tipo cognitivo quindi, invece di aumentare le prestazioni a livello mentale, in questo caso la nicotina può addirittura peggiorare la situazione.   

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.