BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TECNOLOGIE/ C’è un ragno sulla nuova via (genetica) della seta

Pubblicazione:

Bozzoli di baco da seta  Bozzoli di baco da seta

Il successo è frutto di una collaborazione del laboratorio di Fraser con quello di Donald Jarvis e Randolph Lewis presso l'Università del Wyoming: è qui che sono stati realizzati i plasmidi transgenici e che è stata analizzata la fibra prodotta dal baco, mentre il laboratorio della Notre Dame ha reso i bachi da seta transgenici.

Questi risultati arrivano al culmine di uno sforzo di ricerca iniziato più di dieci anni fa con un premio assegnato a Fraser dalla Notre Dame per lo sviluppo di bachi da seta transgenici; sono poi seguiti due anni di sovvenzione concessa a Jarvis, Lewis e Fraser dal NIH (National Institute of Health) e diversi anni di finanziamenti supplementari da parte dei Kraig Biocraft Laboratories. Adesso la stessa Kraig Biocraft Laboratories Inc., insieme con gli autori della ricerca, sta valutando le diverse opportunità di business di questa fibra di prima generazione, sia per uso tessile che non tessile.

I ricercatori si aspettano di migliorare questa prima generazione di prodotti per rendere le fibre ancora più forti. Tra le applicazione più interessanti di queste sete ci sono anzitutto quelle in campo medico-chirurgico: suture, medicazioni, legamenti artificiali, tendini, microcapsule; ma anche per i cosmetici e il tessile, come le fibre per i paracadute.

 

(Michele Orioli)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.