BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FISICA/ Luce verde invisibile. Ma solo per 50 miliardesimi di millisecondo

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia

Lo stesso concetto di invisibilità è stato recentemente allargato al tempo: l’idea è quella di accelerare la parte anteriore delle onde luminose e di rallentare la parte posteriore. In questo modo viene a crearsi un varco temporale: gli eventi che si verificano li sono “invisibili” anche perché il varco viene poi chiuso invertendo la modificazione della velocità della luce che ha superato il varco.

Il grande passo avanti dell’articolo apparso su Nature è che questa interessante idea teorica è stata verificata in un lavoro sperimentale. Fridman e i suoi colleghi sono riusciti a disperdere temporalmente una luce verde, aprendo così un varco temporale di 50 picosecondi (un picosecondo è un millesimo di miliardesimo di secondo), varco che poi hanno richiuso con il procedimento inverso. Un impulso di luce che è stato inviato durante quel varco di invisibilità è risultato impossibile da osservare.

Per rimanere all’esempio delle nostre automobili che procedono nel traffico, il comportamento del “mantello temporale” è assimilabile a quello di un semaforo: le macchine rallentano avvicinandosi al semaforo rosso e ripartono accelerando quando torna il verde. Ma un osservatore che osservasse il flusso di macchine qualche centinaio di metri prima e dopo il semaforo potrebbe non accorgersi di nulla, dato che per lui il flusso risulterebbe invariato e l’evento del “semaforo” rimarrebbe nascosto (è, ahimè, quello che ci capita quando dobbiamo traversare una strada a grande scorrimento e ci accorgiamo che lo stop provocato da un semaforo lontano non provoca una pausa nel traffico sufficiente al nostro passaggio).

La scoperta è interessante per quel che riguarda la fisica di base, ma gli autori stessi affermano che, riuscendo ad allargare un po’ il tempo di “invisibilità”, l’apparato sperimentale potrebbe essere utile anche per quel che riguarda la trasmissione dei dati in sicurezza, potendo nascondere i segnali che non devono essere intercettati.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.