BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TECNOLOGIA/ L’elettricità del futuro viaggerà sottozero?

Pubblicazione:

Treno Maglev con elettromagneti superconduttori (Foto Central Japan railways co.)  Treno Maglev con elettromagneti superconduttori (Foto Central Japan railways co.)
<< Prima pagina

Nel mondo sono stati realizzati diversi collegamenti con cavi superconduttori. Il progetto più interessante è quello attuato nelle vicinanze di New York dove è in esercizio dal 2008 un cavo superconduttore di 600 metri, raffreddato con azoto liquido, inserito nella rete elettrica ad alta tensione della Long Island power authority. In Germania, l’utility tedesca Rwe ha avviato un progetto che prevede la sostituzione di 1 km di cavo ad alta tensione con un cavo superconduttore in media tensione. In questo modo si potrebbero evitare numerose stazioni di trasformazione AT/MT liberando spazi a ridosso delle aree urbane.

La superconduttività è inoltre protagonista della più costosa scommessa energetica del XXI secolo: il progetto Iter che tenterà di riprodurre sulla Terra il processo di fusione nucleare (che mantiene acceso il Sole e le stelle) per la produzione illimitata di energia. Iter è in costruzione a Cadarache, nel sud della Francia, e costerà 16 miliardi di euro. Tutti i magneti necessari per confinare il plasma a 150 milioni di gradi sono obbligatoriamente superconduttori in quanto l’uso di magneti resistivi farebbe assorbire più energia di quella generata. L’avvio della produzione è prevista nel 2027 e in caso di successo verrà costruito l’impianto Demo da 2 GW che aprirà la strada ai primi reattori a fusione commerciali entro il 2050. L’Europa ha già stanziato un finanziamento di 1,3 miliardi di euro per il periodo 2012-2013 e il consorzio italiano Icas, coordinato dall’Enea, si è aggiudicato uno dei contratti di fornitura dei cavi superconduttori per Iter.

Da segnalare anche l’interessante progetto statunitense Tres Amigas SuperStation che prevede l’utilizzo di un cavo superconduttore in corrente continua da 5 GW per interconnettere tre reti elettriche di trasmissione e garantire una migliore integrazione e gestione di impianti da fonti rinnovabili intermittenti. Il cavo superconduttore costituisce una sorta di hub per far fluire senza perdite la corrente elettrica nell’anello di collegamento delle tre reti. Altre applicazioni della superconduttività nella rete elettrica che potrebbero risultare interessanti nel medio termine sono i limitatori delle corrente di guasto e i generatori da 10-20 MW per turbine eoliche off-shore.

Un altro settore dove la superconduttività sta assumendo un ruolo importante è quello dei trasporti ad alta velocità, grazie al treno Maglev (acronimo di Magnetic levitation) in grado di viaggiare senza contatto ruota-rotaia a oltre 500 km/h con un buon livello di comfort per l’assenza di vibrazioni e la ridotta rumorosità. Esiste già una versione con elettromagneti convenzionali utilizzata in Cina per il collegamento dell’aeroporto di Shanghai con il centro della città.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >