BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Italia più sensibile al richiamo delle foreste

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

C’è ancora una funzione svolta in campo fitosociologico che Andreis tiene a sottolineare ed è quella culturale, che va dal riconoscimento dei vari modelli boschivi all’incentivazione delle azioni per la salvaguardia del patrimonio biogenetico. Tra queste azioni ce ne sono di sofisticate, come la conservazione dei semi; ma ce ne sono anche più semplici, a portata di tutti: «basterebbe rispettare il bosco; dove si sa che c’è la tal specie rara gli specialisti possono intervenire per garantirne la sopravvivenza; ci sono elenchi delle specie protette e l’azione è quindi possibile». Non ci sono però particolari allarmi in proposito. E poi, osserva realisticamente Andreis, «le specie effettivamente a rischio sono rare, sono poco note e la maggior parte della gente non sa neppure dove andarle a trovare».

Per quanto riguarda i comportamenti degli italiani verso gli ambineti boschivi, Andreis è ottimista: «L’atteggiamento è cambiato e in generale il rispetto verso i boschi sta crescendo. C’è ancora qualcuno che si comporta in modo “barbaro” ma mediamente c’è attenzione».

 

(Michele Orioli)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.