BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEOLOGIA/ Andare in orbita per scrutare le profondità della crosta terrestre

Pubblicazione:

Mappa globale della discontinuità di Mohorovicic, basata sui dati del satellite GOCE. Credits: GEMMA project  Mappa globale della discontinuità di Mohorovicic, basata sui dati del satellite GOCE. Credits: GEMMA project

Potremmo chiamarla geografia underground: è quella che ha permesso a un giovane ricercatore italiano di realizzare la prima mappa globale ad alta risoluzione del confine tra la crosta e il mantello terrestre. Un secolo fa ricerche del genere non si sarebbero potute fare: non solo per la evidente mancanza degli strumenti di osservazione e di analisi dei dati; ma soprattutto perché ancora non si era a conoscenza dell’esistenza di tale confine: è stato solo nel 1909 che il sismologo croato Andrija Mohorovicic ha scoperto la presenza, a circa 50 km nel sottosuolo, di una brusca variazione della velocità sismica, evidenziando così uno scarto tra la crosta terrestre e il mantello sottostante, noto da allora come “discontinuità di Mohorovicic”, o più semplicemente Moho.

Il ricercatore autore della mappa underground è Daniele Sampietro e opera presso il polo di Como del Politecnico di Milano, dove l’abbiamo raggiunto per farci spiegare la sua performance. «La mia ricerca si è svolta all’interno del programma speciale STSE dell’Esa (Agenzia Spaziale Europea) che finanzia progetti per giovani ricercatori. Il progetto è denominato GEMMA (GOCE Exploitation for Moho Modelling and Applications, ovvero utilizzo di GOCE per modelli ed applicazioni) e si colloca nel quadro dell'iniziativa Changing Earth Science Network (Cambiare la rete scientifica della Terra): è un esempio di utilizzo dei dati di GOCE, il satellite di geodesia spaziale lanciato dall’Esa nel 2009 per studiare nel dettaglio il campo gravitazionale terrewstre». Il nesso tra Moho e GOCE deriva dal fatto che al Politecnico di Milano c’è uno dei tre centri mondiali che sviluppa i calcoli per GOCE; l’Esa ha infatti affidato a tre università il compito di fare la stima del campo di gravità terrestre in base ai dati rilevati dal satellite e uno di questi tre centri è il Laboratorio di Geomatica dell’ateneo milanese, diretto dal professor Fernando Sansò, col quale collaborano Federica Migliaccio e Mirko Reguzzoni: «loro fanno questo lavoro per l’Esa e io utilizzo i dati per il progetto GEMMA che parte proprio dalle loro misure per svolgere analisi più di tipo geologico, in particolare per fare la stima della Moho».

Per comprenderne l’importanza, bisogna ricordare che la crosta terrestre è lo strato solido più esterno del nostro pianeta; costituisce meno dell'1% del volume planetario ma è il luogo dal quale ricaviamo le nostre risorse geologiche come i gas naturali, il petrolio e i minerali; è inoltre lo spazio dove avvengono i processi geodinamici più rilevanti come terremoti, vulcanesimo e orogenesi.



  PAG. SUCC. >