BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENERGIA/ Scienziati a teatro: non in sala ma sul palcoscenico

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio
<< Prima pagina

“Alice nel Paese della Scienza” e “Alice 2.0 nel Paese dell’Energia” nascono da una collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano, che stava mettendo in scena “Alice” di Lewis Carroll. L'idea è stata quella di vedere la storia da un punto di vista ribaltato: il mondo delle meraviglie è quello della fisica e Alice è una matricola. Il bello è che l'esperienza della matricola tocca al pubblico, che durante lo spettacolo precipita in un mondo inizialmente incomprensibile e respingente ma che poi diventa irresistibile.

 

Di che cosa parla la vostra ultima creazione?

 

Il 2012 è l’anno internazionale dell’Energia Sostenibile per Tutti, quindi abbiamo deciso di trattare il tema dell'energia anche se in modo un po’ diverso, visto che si tratta di un tema super inflazionato. In particolare ci tenevamo a far passare il messaggio che le grandi scoperte sono sempre arrivate dalla ricerca di base. Sperare di risolvere il problema della sostenibilità senza investire in ricerca di base è pura ambizione. Inoltre abbiamo voluto alleggerire un po’ gli animi, visto che il tema dell'energia si accompagna sempre a visioni catastrofiste. Speriamo di esserci riusciti.

 

Beh, se il progetto va avanti da ormai molti anni significa che l’idea funziona...

Volevamo creare qualcosa che coinvolgesse realmente il pubblico. La presenza di un fisico vero che si entusiasma ad eseguire esperimenti reali davanti ai tuoi occhi tiene costantemente alta l’attenzione e coinvolge più di qualsiasi documentario scientifico, per quanto questo possa essere interessante.

Inoltre è indispensabile partire dal mondo reale. La Fisica non si occupa di astrazioni, ma è la chiave per capire il mondo che ci circonda: la luce e i colori, i passaggi di stato della materia, le continue trasformazioni dell’energia e via dicendo.

 

E i risultati?

 

Ora stiamo aspettando l'onda lunga di “Facciamo Luce Sulla Materia”, rivolto soprattutto ai bambini (che hanno mostrato di divertirsi molto e di capire quasi tutto). I primi ad avere visto questo spettacolo arriveranno all'età in cui ci si iscrive all'università l'anno prossimo. Chissà se l'imprinting funzionerà ... Per quanto riguarda i ragazzi più grandi, che hanno visto gli spettacoli per le superiori, non abbiamo l'ambizione di avere sradicato preconcetti sedimentati, ma qualche riscontro c'è. Comunque il successo di pubblico (abbiamo superato le 250 repliche!) e l’accoglienza favorevole da parte del mondo della scuola e della ricerca testimoniano l’efficacia del metodo proposto. Non resta che incrociare le dita.


(Silvia Maiolo)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.