BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TECNOLOGIE/ L’abbraccio dei robot: concorrenti o alleati?

Pubblicazione:

Una particolare del robot Frida (Foto Abb)  Una particolare del robot Frida (Foto Abb)

L’avanzata dei robot nella nostra vita quotidiana sta subendo un’accelerazione. Ormai molte applicazioni robotiche stanno diventando consuetudini commerciali (si pensi ai robot aspirapolvere), ma da ogni angolo del pianeta giungono notizie di applicazioni o progetti sempre più smart e per i più diversi ambiti.

Partiamo da un settore leggero, come quello sportivo. È di questi giorni la dichiarazione di Andy Chang, responsabile dei sistemi di controllo robotici della multinazionale texana National Instruments, secondo cui «i robot umanoidi di oggi sono molto lenti e macchinosi, ma entro il 2030 i calciatori robotici vinceranno contro i campioni del mondo». Chang, parlando a Roma a margine di forum tecnologico organizzato dalla stessa società, ha detto che basterà migliorare e velocizzare gli algoritmi utilizzati, in quanto il problema non è tanto nella meccanica: «Il punto debole oggi è la loro lentezza, causata dai lunghi tempi necessari per elaborare la grande mole di dati necessari per determinare una decisione».

Il calcio giocato dai robot ha già il suo campionato mondiale, la RoboCup, come pure si è costituita la “lega umanoide”, nella quale robot con sembianze umane cooperano, in modo autonomo, tra di loro in una partita di calcio. Se gli informatici riusciranno a semplificare la programmazioni e a ridurre i tempi per l’integrazione con la parte meccanica, non ci vorrà molto per arrivare a un possibile confronto uomo-macchina.

Dal Giappone, invece, arrivano le solite applicazioni stravaganti. C’è un robot bianco e rosso, sviluppato da Hitachi, alto come un bambino di sei anni, pesante 14 kg e semovente su due ruote, che promette di aiutarvi a ritrovare gli oggetti smarriti. Se non trovate più dove avete lasciato gli occhiali, basta sguinzagliare Emiew2, così si chiama il prezioso aiutante, e il problema è risolto. Il robot ha un avanzato sistema di riconoscimento visuale e utilizza due videocamere come occhi per individuare oggetti e paragonarli con quelli inseriti nel suo database, che nel frattempo si arricchisce di immagini raccolte in Internet e memorizzate on line. Non è difficile prevedere che il suo utilizzo possa andare al di là del semplice lost and found.



  PAG. SUCC. >