BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ Per i privati, gli esami in orbita non finiscono mai

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Un astronauta nello spazio (Foto: Infophoto)  Un astronauta nello spazio (Foto: Infophoto)

E anche una volta lanciata, per la capsula Dragon gli esami non saranno finiti. Arrivata in orbita, sarà sottoposta a una serie di test e altri ancora dovrà subirne in prossimità della Stazione Spaziale Internazionale. Verranno collaudate una serie di procedure di volo e si dovrà verificare il corretto funzionamento dei suoi sistemi di bordo in previsione dell’avvicinamento alla ISS; durante il fly-by alla distanza di circa tre chilometri dalla ISS saranno validati i vari sensori necessari per un effettivo e sicuro rendezvous. La capsula dovrebbe anche dimostrare la capacità di terminare l’avvicinamento in caso di emergenza. Se tutti i test daranno esito positivo, dopo tre giorni dal lancio la navetta sarà arpionata dall’equipaggio della ISS per mezzo del braccio robotico e agganciata alla porta Nadir del Nodo 2.

Un’avventura che ha quindi la sua buona dose di suspence. E sullo sfondo c’è il dibattito sul futuro delle imprese spaziali, sulla competizione tra le grandi potenze spaziali storiche e i nuovi arrivati (asiatici) e sull’opportunità o meno di privilegiare le missioni robotizzate piuttosto che quelle con equipaggi umani.

È un dibattito solo vagamente evocato dalle dichiarazioni visionarie di Mask, che recentemente su Nature ha arricchito i suoi obiettivi commerciali con dichiarazioni ad effetto del tipo: «Il prossimo passo importante nell'evoluzione della vita è che il genere umano sviluppi una civiltà con base nello spazio, fino a diventare una specie di multiplanetaria»; oppure: «Penso che abbiamo bisogno di una ‘ridondanza’ planetaria per proteggerci dalla poco promettente possibilità di un'Armageddon naturale o provocata dall'uomo». E ancora, con toni decisamente preoccupanti, pensando a come rimediare al calo di interesse per le imprese spaziali: «Dobbiamo fare cose entusiasmanti e forzare i limiti della tecnologia». C’è da sperare che quest’ultima opzione non sia necessaria.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.