BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EVENTI/ "Fascinations of plants Day": dal laboratorio al mercato il passo non è breve

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

Che il regno vegetale sia di importanza fondamentale non solo per l'agricoltura ma anche per la produzione di carta, legno, fibre tessili, composti chimici, energia verde, farmaci è evidente, anche se forse non sempre portato a piena consapevolezza. Infatti, malgrado alcuni temi come lo sviluppo sostenibile o gli OGM siano sulla bocca di tutti, le informazioni che vengono veicolate dai mass media sono spesso approssimative o, peggio ancora, di parte. Ecco allora l’importanza di un’iniziativa come quella che si tiene oggi in quasi quaranta Paesi nel Mondo dove si celebra il “Fascination of plants day”, la “Giornata Internazionale del Fascino delle Piante”, un evento di enorme portata realizzato sotto il coordinamento dell’Organizzazione Europea delle Scienze delle Piante (EPSO). L’iniziativa, già illustrata in queste pagine, si prefigge di svolgere una preziosa funzione di “ponte” fra il mondo della ricerca e la società, allo scopo di fornire al grande pubblico conoscenze basilari e informazioni scientificamente corrette per un dibattito consapevole.

Come quello che si è svolto a Milano all’evento di presentazione della Giornata, promosso dal Cnr su “L’agricoltura del futuro e il ruolo degli OGM” nel quale si sono confrontati Manuela Giovannetti, Preside della Facoltà di Agraria dell’Università di Pisa, e Michele Morgante, Ordinario di Genetica presso l’Università di Udine. Vale la pena riprendere i punti salienti del confronto.

Iniziamo con questo dato: secondo un rapporto della FAO, una delle principali sfide che il settore agricolo a livello mondiale dovrà affrontare nei prossimi decenni sarà il dover produrre il 70% di cibo in più per sostentare altri 2,3 miliardi di persone che si aggiungeranno da qui al 2050 ai 7 miliardi attuali. Il problema é che già ora l’attuale sistema agricolo non é affatto sostenibile. Il cibo prodotto non é sufficiente per tutti e non é equamente ripartito (nei Paesi ricchi gli sprechi raggiungono il 30%), mentre i danni arrecati all’ambiente sono molti e appaiono ogni anno sempre più gravi. 

La situazione è quindi destinata a peggiorare rapidamente, a meno che non si proceda subito ad un drastico cambiamento di tendenza con una seconda “Rivoluzione Verde”. Una prima Rivoluzione Verde si è già verificata, e in circa cinquant’anni la produzione agricola ha registrato un significativo incremento. Questo é stato possibile grazie all’introduzione di varietà vegetali ibride (ottenute incrociando fra loro varietà preesistenti) e all’uso massiccio di fertilizzanti chimici. Un ruolo determinante é stato svolto anche dal miglioramento dei sistemi di irrigazione, dall’automatizzazione di gran parte del processo agricolo e dall’utilizzo di prodotti fitosanitari (erbicidi, insetticidi, fungicidi). La maggiore produttività ha tuttavia portato con sé tutta una serie di problemi collaterali che si sono aggravati nel tempo. Oltre a comportare un elevato livello di inquinamento delle acque, l’agricoltura intensiva e la pratica della monocultura hanno determinato infatti una progressiva erosione ed impoverimento del suolo, inibendo lo sviluppo adeguato dei microrganismi benefici. Il risultato è una crescente dipendenza delle piante dalle immissioni chimiche, in un circolo vizioso che porta a un progressivo degrado ambientale.



  PAG. SUCC. >