BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCOPERTE/ Una nuova sorgente X rivela “la musica” dei processi microscopici

Fotolia Fotolia

Questo approfondimento ha richiesto svariati anni di ricerca sia teorica che sperimentale, costellati dalla scoperta di sorprendenti aspetti della natura che hanno stupito gli studiosi e li hanno spinti a continuare, come ad esempio il fatto che i valori di pressione del gas che massimizzano il “phase-matching” dell’emissione collettiva degli atomi (e che permettono quindi la generazione di un impulso breve ed intenso) sono anche i valori che ottimizzano l’auto-confinamento dell’impulso laser incidente. Dallo studio è nata la consapevolezza che, per avere una emissione significativa nei raggi X, avrebbero dovuto puntare su un laser di eccitazione a maggiore lunghezza d’onda (infrarosso) ed elevata potenza.

Il gruppo decise quindi di rivolgersi ai costruttori del più potente laser impulsato infrarosso a disposizione, cioè al gruppo guidato da Andrius Baltuška all’Istituto di Fotonica della “Vienna University of Technology”, Austria. Trasportato il loro apparato a Vienna, i ricercatori hanno potuto testare e verificare le loro ipotesi, giungendo fino al traguardo sperato di una sorgente impulsata con uno spettro quasi continuo dall’UV ai raggi X.

Certamente una storia interessante non solo per i risultati scientifici (la maggiore comprensione del fenomeno HHG) e applicativi (la realizzazione di una sorgente X che potrà essere utilizzata da fisici, chimici e bio-chimici), ma perchè esempio di un percorso conoscitivo arduo ma affascinante, che ha coinvolto numerosi professori e studenti e che ha spinto a collaborare diverse istituzioni (oltre ai gruppi citati, hanno collaborato alla ricerca anche la Cornell University e l’università di Salamanca, co-autori dell’articolo). Più volte, nelle interviste rilasciate dopo la pubblicazione, gli autori non riescono a nascondere lo stupore nell’imbattersi nella realtà che si svela gradualmente ai loro occhi: «Ciò che i risultati sperimentali suggerivano sembrò troppo bello per essere vero! Sembrava che Madre Natura avesse predisposto, nel modo più semplice e bello, tutta la fisica microscopica e macroscopica» dice Tenio Popmintchev, primo autore dell’articolo. Nello stesso articolo su Science, cosa non comune, si incontrano espressioni come «[il processo] è reso possibile da una notevole convergenza di leggi fisiche favorevoli», oppure «Una seconda coincidenza estremamente favorevole di ottica non-lineare...», che lasciano intravedere, tra le righe del rigoroso linguaggio scientifico, l’intensa sorpresa che ha accompagnato gli scienziati durante questi anni di studio.

 

 

© Riproduzione Riservata.