BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ Il tuffo del Voyager fuori dal Sistema Solare sarà soft

Pubblicazione:

La Voyager si avvicina allo spazio interstellare (Foto: Infophoto)  La Voyager si avvicina allo spazio interstellare (Foto: Infophoto)

La rilevazione di un cambiamento di densità di particelle a questa distanza dal Sole, più di 100 Unità Astronomiche (1 UA è circa 150 milioni di chilometri), è in perfetto accordo con le mappe teoriche dei confini del nostro sistema solare. Ma i Voyager I e II sono ancora all’interno dell’eliosfera o ne sono già usciti? Qui ci vengono in soccorso altre due misure delle due sonde gemelle. Il secondo dato che emerge dalle misure riguarda infatti le particelle della eliosfera: l’intensità rilevata delle particelle della bolla sta calando in modo dolce e non improvviso, come invece ci si poteva aspettare al passaggio oltre i confini del sistema solare. L’ultima misura significativa è quella del campo magnetico. Le sonde stanno rilevando come la direzione del campo magnetico solare sia in direzione est-ovest, e non nord-sud, come invece ci si aspetta nel mezzo interstellare.

Il Voyager è dunque ancora nell’eliosfera, e in un tempo relativamente vicino uscirà da essa. Cosa accadrà al momento dell’uscita? Fino a pochi mesi fa si pensava che sarebbe andato incontro a una vera e propria zona d’urto, simile all’onda d’urto che si genera nell’aria intorno a un jet supersonico quando supera la barriera del suono: la missione Voyager ha già chiarito che in realtà questa zona non dovrebbe esistere, probabilmente per motivi legati al fatto che il Sole si muove, rispetto alla galassia, più lentamente di quello che si pensava. L’ingresso del Voyager nello spazio interstellare avverrà quindi probabilmente senza urti.

«Quando i Voyager vennero lanciati nel 1977 - dice Ed Stone, Voyager project scientist al California Institute of Technology in Pasadena - l’età spaziale prevista per le due navicelle era di 20 anni. Molti di noi nel team sognavano di raggiungere il mezzo interstellare, ma veramente non potevamo avere modo di sapere quanto lungo avrebbe potuto essere il viaggio, o se questi due veicoli sui quali avevamo investito tanto tempo ed energia avrebbero funzionato abbastanza a lungo per raggiungerlo». 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >