BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ECOSISTEMI/ Quel fatidico bivio fra sopravvivenza ed estinzione

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Questo punto presenta le tipiche caratteristiche di un punto critico nella fisica dei materiali. In un magnete, per esempio, un punto critico è il punto di Curie, al di sopra del quale il sistema diventa paramagnetico; in un fluido, la temperatura oltre la quale non c'è più separazione gas-liquido ecc …

Una proprietà caratteristica dei punti critici è l'aumento del tempo di rilassamento del sistema in seguito a una perturbazione. Si modifica il sistema mantenendo fisse tutte le proprietà fisiche (temperatura, densità ecc …) e si osserva quanto tempo impiega a ritornare allo stato di equilibrio. Usando termini un po' evocativi potremmo dire che, all'approssimarsi di un punto critico, il sistema sente la vicinanza di due diversi stati e tende ad essere sempre più indeciso su quale stato convergere. Il risultato è un aumento del tempo impiegato dal sistema per ritornare all'equilibrio.

Significativamente, il gruppo che ha lavorato a questa ricerca mostra, per la prima volta, l'esistenza questa importante proprietà nelle colture di lievito vicine al punto di biforcazione. Si osserva infatti un pronunciato aumento dei tempi di rilassamento dopo l'introduzione di sale nel campione (che costituisce la perturbazione), già a diluizioni non troppo vicine alla diluizione critica. Ciò vuol dire che un significativo rallentamento nella dinamica di una popolazione costituisce un importante segnale di avvertimento che ci si sta avvicinando a una possibile catastrofe ecologica. Si tratta di uno strumento in più per prevenire eventi che possono sconvolgere gli ecosistemi; trovato, ancora una volta, grazie a proficue contaminazioni fra discipline diverse.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.