BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PROSPETTIVE/ Tracce di infinito nell’ambiente

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Durante la settimana del Meeting di Rimini 2012, partecipando ad incontri, mostre, discussioni, letture, tutte finalizzate a rigenerare nella concezione dell’essere umano il suo rapporto con l’infinito, ho provato ad immaginare una sorta di sinergia possibile tra ciò che esiste in natura, che è strutturalmente finito, con l’espressione più lontana dall’esperienza sensibile, che è appunto l’infinito.

Ricordo che, qualche anno fa’, introducendo gli argomenti del corso di Geografia a Lettere Moderne, presentai ai miei giovani universitari una slide nella quale compariva una fotografia, scattata in agosto nell’alta Valle d’Aosta, che ritraeva un ragazzo con i piedi immersi in un piccolo lago di origine nivale, intento ad osservare dei girini muoversi nell’acqua attorno ai suoi piedi. Accanto a questa immagine era rappresentata una scala spaziale che andava dal Pianeta Terra, al sistema solare, ad un frammento della Via Lattea e, infine, ad una porzione di Universo…

La spiegazione della slide era, in sintesi, così articolata. L’osservazione del ragazzo sul fondale del minuscolo lago è interessante, utile, culturalmente evoluta, ma il soggetto è consapevole della sua appartenenza alla complessità di relazioni tra la Terra, il sistema solare, la nostra galassia e quindi l’Universo, le cui dimensioni tendono all’infinito? Cioè, la lettura di un ambiente, caratterizzato da una conca nivale, che, nei mesi estivi, per l’impermeabilità dei terreni e per l’aumento della temperatura, si trasforma in una pozzanghera d’acqua, che significato assume per l’essere umano, se non entra in rapporto con la pluralità di relazioni, che convergono tutte nell’Universo?

Credo che uno dei compiti più urgenti che occorra svolgere in questo periodo storico, consista nell’educare l’essere umano a guardare l’ambiente attraverso la tessitura di un sistema di relazioni, a volte estremamente complesse, ma reali, tanto da non richiedere, almeno inizialmente, la formulazione di una visione del mondo incentrato su questo o su quel paradigma.

Tat’jana Kasatkina, nella sua premessa alla mostra a Rimini su Dostoevskij: L’immagine del mondo e dell’uomo: l’icona e il quadro, scrive: “Si tratta del fatto che non siamo capaci di guardare – guardiamo troppo poco e troppo poco lontano -  e del fatto che vediamo solo l’esteriorità, perché usiamo la nostra vista superficialmente, non permettiamo ai nostri occhi di immergersi dentro quello che ci appare, non ne vediamo il mistero. Così a causa della nostra vista indebolita, la superficie delle cose smette di essere segno e diventa ostacolo”.

Le relazioni tra i fattori costitutivi della realtà esistono e sono documentate dalla scienza, ma necessitano di una comprensione accurata a livello della loro interdipendenza funzionale ed all’interno di una dimensione scalare, che, in termini sperimentali, comporta un decisivo ampliamento di orizzonte, tanto da invadere il campo dell’infinito.

La diffusione di una metodologia scientifica di indagine del reale, attenta a particolari ed a dettagli sempre più definiti, assume un valore straordinario nell’ambito della permeazione di spazi assolutamente ignoti in precedenza. Tuttavia, l’eliminazione, in termini concettuali, del rapporto con l’infinito, che parrebbe essere l’unica via sperimentale possibile, provoca nello speculatore della realtà, sia esso scienziato o uomo della strada o bambino, uno smarrimento circa la possibile formulazione di una visione del mondo.



  PAG. SUCC. >