BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INCENDI/ Un occhio di falco per scongiurare l'intervento dei Canadair

Pubblicazione:

(Infophoto)  (Infophoto)

E per quanto riguarda le cause che determinano l’avvio di un incendio? «Bisogna dire che la previsione circa l’innesco dell’incendio è qualcosa che nessuna può fare. Va considerato che gli incendi sono legati principalmente, se non esclusivamente, all’azione antropica e sono sempre di natura colposa o dolosa. Certo, ci sono situazioni di maggior predisposizione, dovuta a un mix di fattori ambientali, ed è lì che agiscono preferenzialmente coloro che intendono provocare i fenomeni incendiari. Quello che si può fare è quindi fornire delle priorità di intervento, sia su scala nazionale che regionale: ci sono giorni in cui ci sono decine e decine di chiamate e quindi diventa importante la previsione della pericolosità dell’incendio, per poter gestire al meglio gli interventi».

Oltre alla Basilicata i ricercatori dell’Imaa-Cnr già da anni hanno attive delle collaborazioni con altre regioni, dove il sistema aiuta a ricalibrare i piani  di monitoraggio e intervento in considerazione anche di differenti situazioni della vegetazione e del territorio. E sono stati avviati programmi di test e applicazioni del Fire-Sat anche in altri Paesi come Argentina e Cina.

Lasaponara comunque ribadisce che «però è sempre l’uomo il responsabile dell’innesco»; e per evitare questo non c’è software che tenga.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.