BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNIVERSARI/ Da 30 anni i “pacchetti” di Internet viaggiano sotto il controllo del TCP

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Nel 1972 si cercò di aggiungere la tecnologia di comunicazione via radio ad Arpanet, che fino a quel momento aveva utilizzato solamente cavi per la trasmissione dati. Il nuovo scenario poneva dei problemi che la rete esistente non era in grado di gestire: le comunicazioni radio potevano interrompersi improvvisamente e poi riprendere dopo poco, per esempio quando un ricevitore entra ed esce in un tunnel. Tutte quelle situazioni che al giorno d’oggi il possessore di un telefono cellulare conosce molto bene.

Ben presto fu evidente che le reti a commutazione di pacchetto radio non potevano coesistere con la rete Arpanet così com’era stata concepita inizialmente. Nonostante questa impasse i ricercatori si rimisero al lavoro e dopo alcuni anni svilupparono Tcp/Ip - Transmission Control Protocol e Internet Protocol - un nuovo protocollo di gestione dei pacchetti, che rimpiazzò il protocollo Ncp adottato inizialmente da Arpanet: il 1° gennaio 1983 veniva completata la definitiva migrazione di tutta le rete al nuovo protocollo e quel giorno di trent’anni fa può essere considerata la data di nascita di internet. Il Tcp/Ip infatti è tuttora utilizzato e la sua versatilità ha permesso alla rete di diventare lo strumento poliedrico al quale siamo abituati oggi.

Col passare del tempo i computer utilizzati per ricerche a scopo militare sono stati spostati su reti separate e l’uso della rete è stato aperto a centri di ricerca non legati al Darpa e a organizzazioni private. Col passare degli anni le infrastrutture di comunicazione costruite dagli operatori privati hanno sorpassato di diverse dimensioni di grandezza la rete costruita inizialmente. In questo modo è nata e cresciuta la rete internet che conosciamo oggi.

Vorrei infine concentrarmi su due altri aspetti peculiari di internet: l’email e il world wide web. Ray Tomlinson è considerato l’autore del primo programma in grado di trasmettere messaggi tra computer diversi collegati dalla rete Arpanet. Nel programma di Tomlinson è stato usato per la prima volta il simbolo @ per separare l’account del destinatario dall’indirizzo del server. La scelta cadde sul simbolo @ perché era quasi in disuso e quindi tale scelta non avrebbe interferito con altri usi. Nonostante alcuni dei colleghi di Tomlinson pensassero fosse inutile, l’email nel tempo si è rivelata una delle “killer application” della rete internet cioè una delle applicazioni software che ne ha maggiormente favorito la diffusione.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >