BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOBIOTECNOLOGIE/ Portate il Dna nel lab di fisica: usciranno delle nanomacchine

Pubblicazione:

Capillare in cui le nanostelline di Dna si aggregano formando un tessuto gelatinoso che sedimenta verso il basso  Capillare in cui le nanostelline di Dna si aggregano formando un tessuto gelatinoso che sedimenta verso il basso

È stato in realtà piuttosto divertente. Questo anzitutto perché le persone in questa collaborazione sono tutte persone aperte, leggere e fondamentalmente allegre. Per collaborare tra discipline diverse bisogna infatti non avere il problema di mostrarsi ignoranti o magari di fare più di una volta la stessa domanda. Ci vuole impegno, ma anche una certa dose di ironia aiuta. 

Un aspetto sempre piuttosto stimolante di questa collaborazione sul tema del Dna è quale sia l'origine del fatto che questa molecola così decisiva in biologia abbia anche tutta questa versatilità nel comporre strutture che con la vita biologica c'entrano poco. In qualche modo serpeggia sempre la domanda: il Dna ha tutte queste proprietà che uniscono fisici e biologi perché è una molecola fortunata oppure perché le proprietà meccaniche che sono alla base di questo uso nanotecnologico del Dna sono state o sono in qualche modo tuttora essenziali alla funzione biologica? 

 

Lei cosa risponde?

 

Penso che la risposta giusta sia la seconda. Dal che sorge un ulteriore interrogativo: quali alternative avrebbero potuto esserci al Dna, nello sviluppo della vita? Viste le proprietà del Dna, difficilissime da imitare con altri polimeri naturali o di sintesi, viene quasi il sospetto che in realtà di alternative potrebbero essercene poche. 

E l'idea che la vita possa necessitare di molecole così speciali da essere quasi impossibili da realizzare porta ad un certo interessante stupore inquieto per come sono andare le cose sul pianeta Terra, dove il Dna ha per fortuna trovato il modo di essere sintetizzato. 

(Mario Gargantini)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.