BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL PUNTO/ Non bastano i neuroni per "pensare il pensiero"

Pubblicazione:

immagine d'archivio  immagine d'archivio

Se l’obiettivo degli organizzatori della mostra “Brain. Il cervello: istruzioni per l’uso” – allestita dal 18 ottobre al 13 aprile prossimo presso il Museo Civico di Storia Naturale di Milano – era di sollevare interrogativi su questo affascinante e misterioso fenomeno che è il cervello umano, si può ben dire che ci sono riusciti.

In effetti già una serie di domande vengono poste esplicitamente nello svolgersi del percorso espositivo che, nelle sette sezioni in cui si articola, ai vistosi pannelli colorati con i testi descrittivi ed esplicativi (che per un inspiegabile abbinamento di colori spesso risultano parzialmente leggibili) alterna altre parti con installazioni anatomo-artistiche e alcune postazioni interattive sulle quali si cimentano ludicamente soprattutto i più giovani.

Tre le domande ci sono quelle più note, come quelle relative all’intelligenza e alla sua eventuale collocazione in qualche parte del cervello. O quella circa il dilemma, in realtà facilmente superabile, se le nostre abilità cognitive sono tali 'per natura', cioè sono scritte nel nostro genoma, oppure sono l’esito di un processo educativo (in inglese è la questione Nature vs Nurture). O ancora: come il nostro cervello crea e recupera i diversi tipi di ricordi? E qui viene detto molto chiaramente che "noi non 'registriamo' le esperienze che facciamo come se fossero un programma televisivo. Dimentichiamo la maggior parte delle cose (…). Ci sono anche dei vantaggi però nello scordare: il nostro cervello si è evoluto per evocare ricordi legati a ciò che accade nel presente, non per sommergerci di dettagli a caso".

Ci sono anche domande meno abituali e con risposte non scontate. Come quelle che riguardano gli aspetti emotivi. È proprio vero che le emozioni sfavoriscono le nostre operazioni mentali più impegnative, quelle che richiederebbero più rigore? La risposta è, inaspettatamente, no. La mostra porta l’esempio del nostro rapporto con i soldi a conferma che "le persone spesso sono influenzate dalle connessioni emotive del loro cervello, anche quando si tratta di qualcosa di freddo e arido come il denaro".

Analogamente, e in modo ancor più controcorrente, si dovrebbe dire per la ricerca scientifica: è vero che per conoscere la realtà naturale bisogna affrontarla in modo distaccato, che la passione e l’affezione all’oggetto studiato ne ostacolano la comprensione? No, dovrebbero dire se interpellati i curatori della mostra e cioè Rob DeSalle, dall’American Museum of Natural History di New York, Joy Hirsch, della Columbia University e Margaret Zellner, della Rockefeller University



  PAG. SUCC. >