BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCIENZA&FEDE/ La scienza e la luce di Francesco e di Maxwell

Pubblicazione:

Papa Francesco  Papa Francesco
<< Prima pagina

Uno originale e significativo è quello del grande fisico scozzese James Clerk Maxwell, il padre dell’elettromagnetismo e della moderna teoria della luce, che ha messo in versi il suo pensiero e le sue esperienze umane e scientifiche (abbiamo già commentato la felice iniziativa delle Edizioni Archivio Dedalus di pubblicare nella traduzione italiana tutte le poesie da lui composte tra il 1844 e il 1878). Così il giovane Maxwell, nell’aprile 1853, sviluppa la sua meditazione serale sull’impostazione che stava dando alla sua vita – era al Trinity College di Cambridge dove si sarebbe laureato l’anno seguente – e delinea il suo “programma di ricerca”: «Insegnami a leggere le Tue opere/ Di modo che la mia fede, - acquistando nuova forza -/ Possa procedere da mondo a mondo,/ Perseguendo la feconda ricerca della saggezza;/ (…) Donami amore per rintracciare correttamente/ il Tuo in ogni cosa creata,/ Predicando a una razza redenta/ Dalla Tua misericordia rinnovata,/ Finché sazio della tua pienezza,/ Ti guarderò faccia a faccia/ E con infaticabile Ardore/ Canterò le glorie della tua grazia». Un programma che sembra anticipare quanto sempre Papa Francesco ha indicato nella Evangelii Gaudium (p. 132): «Quando alcune categorie della ragione e delle scienze vengono accolte nell’annuncio del messaggio, quelle stesse categorie diventano strumenti di evangelizzazione; è l’acqua trasformata in vino. È ciò che, una volta assunto, non solo viene redento, ma diventa strumento dello Spirito per illuminare e rinnovare il mondo».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.