BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI/ L’indifferente geo-logistica della fame

Pubblicazione:

Gli effetti della siccità in un campo di mais  Gli effetti della siccità in un campo di mais

In qualche misura siamo, noi popoli occidentali, dei neomalthusiani che, dopo esserci scandalizzati della logica economica del prete protestante Thomas Robert Malthus, che aveva constatato una differente velocità di crescita della popolazione rispetto a quella delle risorse naturali, riteniamo, senza dircelo mai apertamente, più che giusto ciò che lui sostenne molto freddamente, ovvero, che chi non è in grado di mantenersi deve, in qualche modo, soccombere.

Lo abbiamo imparato da autorevoli Capi di Governo, che, quando partecipano a summit planetari, promettono sostanziosi aiuti economici ai Paesi indigenti, e che poi, a Congresso concluso, si risolvono in un nulla di fatto, anzi in una dimenticanza programmata. In più, oggi i popoli ricchi lamentano di essere attraversati da una crisi spaventosa: Irlanda, Grecia, Portogallo, Spagna, Italia, non sono altro che i paradigmi di un fallimento annunciato, che, ben lontano dall’essere risolto, ha in sé tutte le sintomatologie di un malato terminale.

Su sette miliardi di persone che vivono oggi sulla faccia della Terra, oltre l’80% sperimenta una condizione di progressiva povertà, secondo fasce di ampiezza differenti, subendo come destino la assoluta indifferenza dei popoli ricchi. Forse, come suggerisce Tim Jackson in un suo recente lavoro “Prosperità senza crescita” (2009), bisognerebbe riportare alla memoria di ognuno, in particolare a coloro che vivono e sperimentano un’economia di tipo capitalistico, il concetto di felicità, la cui consistenza è determinata da una complessità di fattori: tra questi la risorsa economica non è la prevalente, anche se occorre comprendere la sua composizione strutturale nel tempo.

Da un’attenta lettura dei dati e degli eventi ad essa connessi si intuisce che la gestione di un’economia mondiale, nonostante la presenza di autorevoli Governatori della Federal Reserve, come Ben Bernanke, risulta essere un obiettivo strategico di grande livello, ma ancora ampiamente non collaudato, nonostante le potenzialità informatiche oggi disponibili. Sono soprattutto le posizioni debitorie, pubbliche e private, statunitensi, dovute ad una errata concezione di sviluppo, fatta coincidere con l’accentuazione del consumismo, a determinare impressionanti squilibri sul mercato finanziario, troppo spesso fuori controllo, dando adito agli speculatori di intervenire sul mercato immobiliare prima e sull’aumento delle materie prime poi.

Nell’evoluzione del sistema economico mondiale, se i Paesi ricchi subiscono dei tracolli finanziari vertiginosi, i Paesi più poveri vedono quintuplicarsi i costi del riso, del grano, del frumento. Se è vero che tutti perdono abbondantemente, gli ultimi, quasi un paio di miliardi di popolazione, perdono la possibilità di accedere al cibo e all’acqua.

L’eccezionale aumento del prezzo dei beni agricoli degli ultimi anni è stato per larga parte imputato a speculazioni sui mercati finanziari, cioè all’azione di gruppi di potere che avrebbero usato il commercio in materie prime come modo per destabilizzare l’economia mondiale. A supporto di tale tesi sono stati citati numerosi argomenti, tra i quali l’aumentata popolarità dei prodotti finanziari sintetici (c.d. ingegneria finanziaria o finanziarizzazione del mercato agricolo), nonché l’uso di alcune tipologie di investimenti adottate da intermediari finanziari senza scrupoli, e il conseguente numero di fallimenti per eccessiva esposizione al debito (USDA, 2009).

In altre parole, forse più veritiere di quelle raccontate dai freddi numeri dell’economia, gli errori nelle valutazioni finanziarie e le speculazioni finalizzate alla destabilizzazione mondiale dell’economia producono milioni di morti per denutrizione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.