BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTE/ Un richiamo elettromagnetico guida l’ape sul fiore giusto

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Si aprono qui interessanti e nuove possibilità di studio: se il fiore emette dei segnali come una lampada al neon, infatti, deve essere certo che dall’altra parte ci sia qualcuno in grado di recepire i messaggi. Gli insetti impollinatori, perciò, devono avere dei recettori che permettono loro di distinguere il fiore che sta chiamando, ma nessuno li ha mai scoperti: questo è un campo di ricerca inesplorato. Bisogna dunque comprendere, come spiegano gli stessi ricercatori, quali organi di senso permettano a api e bombi di riconoscere questi segnali elettrici finora sconosciuti.

“Questo 'nuovo' canale di comunicazione – spiega il coordinatore dello studio, Daniel Robert – rivela come i fiori siano in grado di informare onestamente i loro impollinatori sulla quantità delle loro preziose riserve di nettare e polline. L'ultima cosa che vuole un fiore è attrarre un ape e poi non riuscire a fornirle il nettare: una lezione di pubblicità corretta.

In caso contrario, infatti, le api perderebbero presto interesse verso i fiori ingrati”.

Anche se forse inizialmente può sembrare un po’ bizzarra, la scoperta apre interessanti spunti sullo sviluppo evolutivo e sul rapporto fra insetti impollinatori e fiori; e ci fa comprendere una volta di più come l’evoluzione biologica non sia il prodotto meccanico di un essere isolato che si sviluppa casualmente o a dispetto degli altri esseri viventi, ma l’esito di un rapporto complesso con gli altri, come non manca di rimarcare Robert:”La co-evoluzione di fiori e api ha una storia lunga e ricca di benefici, perciò forse non è del tutto sorprendente il fatto che stiamo scoprendo ancora oggi quanto sia incredibilmente sofisticata la loro comunicazione”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.