BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTE/ Un richiamo elettromagnetico guida l’ape sul fiore giusto

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Come fanno i fiori a farsi impollinare dagli insetti? Facile, lo insegnano a scuola. Anche i bambini lo sanno. Il profumo, i colori, la forma. Canali di comunicazioni semplici e diretti. L’ape o il bombo che ci passano vicino ne vengono attirati e così sono invogliati ad avvicinarsi, a riempirsi di polline e inseminare altri fiori. Facile e funzionale. Un meccanismo semplice e diretto per perpetuare il miracolo della vita e per diffondere colore, bellezza, frutti nell’immenso giardino terrestre. La natura, però, nella sua incredibile creatività, riesce a battere anche la fantasia più fervida.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Bristol ha scoperto che i fiori lanciano altri messaggi, attraverso canali quantomeno poco sospettabili: i segnali elettromagnetici. Vediamo di capirci qualcosa di più con un esempio. Pensiamo a una situazione che tutti possono avere vissuto. Ci troviamo in una grande città in visita nella stagione estiva. Il caldo inizia a farsi opprimente e ci viene voglia di un bel gelato.

Iniziamo dunque a cercare una gelateria: all’improvviso la nostra vista è catturata da una insegna più luminosa delle altre, che sembra indicare il locale perfetto per le nostre esigenze. “Idea geniale, quella insegna”, pensiamo immediatamente. E così ci spostiamo velocemente, senza tentennamenti verso la nostra meta, già assaporando il sapore e la frescura del gelato.

Sembrerà incredibile, ma pare proprio che la stessa dinamica accada per api o bombi impollinatori: nel loro vagare alla ricerca del nettare a un certo punto un fiore lancia un segnale – proprio come l’insegna luminosa del gelataio – e l’insetto si dirige velocemente verso di esso. Ma c’è di più. I ricercatori hanno infatti potuto scoprire una dinamica assolutamente sconosciuta applicando degli elettrodi a una petunia. Si sapeva già che le piante sono debolmente cariche di cariche negative sulla loro superficie. A questo fatto bisogna aggiungere che gli insetti, volando, per effetto dell’attraversamento dell’aria, si caricano anch’essi, ma di cariche positive. Accade dunque che quando l’insetto si tuffa nel fiore alla ricerca del nettare, le cariche positive che si trovano sulla sua superficie si annullino incontrandosi con quelle negative del fiore.

L’insetto e il fiore si scaricano. Questa situazione di neutralità resta nel fiore tale per alcuni minuti, anche dopo che l’insetto ha lasciato la corolla. In quel periodo il fiore non lancia segnali elettrici, quasi a significare che, dalla presenza dell’insetto fino a quando non si sarà riformata una certa quantità di nettare e polline, il fiore preferisce non essere visitato. Insomma, fa un po’ come il padrone del bar quando chiude: abbassa la serranda e spegne l’insegna.



  PAG. SUCC. >