BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

UOMO CLONATO/ Sirchia: non è più scienza, ma il peggiore dei mondi possibili

Foto Infophoto Foto Infophoto

Dal punto di vista scientifico, occorre distinguere tra l’utilizzo della clonazione per la produzione di animali sul modello della pecora Dolly, e il fatto di creare embrioni con altre tecniche. Il concetto però alla fine è sempre lo stesso: si prendono prodotti che sono potenzialmente capaci di diventare persone, per utilizzarle a scopi sia pur nobilissimi di ricerca. Ciò significa che il valore di una persona è quasi ridotto a zero.

 

Rispetto alle cellule staminali non embrionali, che cosa offrono in più gli embrioni clonati?

Ci sono delle differenze, che pure nel tempo si sono notevolmente ridotte. Le Ips, o cellule staminali totipotenti, assomigliano a quelle embrionali perché sono differenziate e indirizzate in laboratorio, ma non sono comunque identiche. Quindi certamente sono due sorgenti diverse, e potrebbero essere in teoria interessanti. Se per avere quel prodotto devi però arrivare a violare la persona umana, a questo punto c’è un limite a tutto. La scienza non può permettersi di andare oltre certi limiti etici.

 

Come spiegarlo a chi non crede che l’embrione sia un essere umano?

Anche questi scienziati devono quantomeno ammettere che se pure l’embrione non è ancora un essere umano, è destinato a diventarlo. La stessa pecora Dolly era inizialmente un embrione che poi è diventato una pecora adulta. Si tratta quindi comunque di qualcosa che non è più soltanto un materiale genetico, ma un materiale già avviato sul percorso della differenziazione verso l’essere umano, e quindi anche se non è una persona né un essere umano compiuto, si tratta comunque del germe da cui questo si sviluppa. Se si lascia che un embrione cresca indisturbato arriva comunque a diventare un uomo: rispetto a una pecora mi sembra che ci sia una differenza fondamentale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.