BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MONTAGNA/ Conoscere e gustare le Alpi, anche senza vederle

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto
<< Prima pagina

Nel far emergere il potenziale turistico dei singoli territori montani di confine migliorandone visibilità e competitività. Il progetto favorisce quindi la destagionalizzazione dell’offerta turistica con conseguenti ricadute positive per l’economia locale. L’iniziativa “Arrampicare senza Limiti”, essendo volta a permettere a nuovi utenti la fruizione del territorio montano promuovendone anche la conoscenza è sicuramente in linea con gli obbiettivi prioritari di VETTA.

Si può pensare a una ripetizione dell’iniziativa o alla sua duplicazione in altri contesti?

Sicuramente si. Questa prima iniziativa va ampliata e non deve rimanere limitata alla sola pratica dell’arrampicata. Servono offerte integrative come sentieri attrezzati (sia per la loro percorrenza che dotati di cartellonistica braille per la loro comprensione) e musei percettivi o sensoriali. È importante poi non limitarsi a ipo e non vedenti ma pensare anche alle altre disabilità. Servono sentieri percorribili con ausili motori e carrozzelle, facili da raggiungere, sviluppati su pendenze limitate e dotati di punti panoramici per osservare e comprendere il paesaggio alpino. Il territorio lombardo offre tante possibilità in aree di bassa, media e alta quota e con questo evento pensiamo di aver acceso l’attenzione e l’intenzione di esplorarle e di offrire una montagna diversamente fruibile! Dobbiamo pensare non solo al disabile ma ai suoi familiari e ai suoi amici per predisporre “pacchetti” e offerte ludiche e turistiche che soddisfino tutti e permettano di godere di una vacanza completa. In questo modo molte aree montane si gioveranno di un turismo alternativo e complementare con ricadute economiche spesso non trascurabili.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.