BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOTECNOLOGIE/ È polistirene, ma si comporta come un superacciaio

Pubblicazione:

Il nuovo polistirene altamente orientato  Il nuovo polistirene altamente orientato

Ma di che materiale si tratta? Qualcuno ha parlato di polistirene atattico; ma atattico, precisa Sozzani, è una specifica che vale anche per altri composti. Questo è piuttosto un polistirene altamente orientato: «è polistirene, che però ha le proprietà del kevlar e quindi potrebbe sostituirlo in molte applicazioni importanti ma con costi molto inferiori e su una scala produttiva molto superiore. Pensi alle carrozzerie delle auto, che ora sono realizzate con costose fibre di carbonio: in prospettiva, col nostro polistirene pensiamo di poter abbattere molti costi di produzione». 

La scoperta quindi è su due piani. Uno è quello scientifico: per la prima volta si è trovato il modo di tenere queste catene allineate e di poterle bloccare in certe posizioni. La novità sul piano tecnologico invece è di poter avere delle prestazioni molto elevate e di creare dei nano compositi strutturali.

Con questa scoperta diventa possibile applicare un materiale più leggero, più resistente e più economico a differenti ambiti industriali: dall’automotive all’industria navale, passando per l’high tech e l’aerospaziale. Il nuovo materiale può infatti trovare impiego in tutto ciò che è “veicolo”, come la realizzazione di scafi per le navi, di carrozzerie per le automobili, di pale per gli elicotteri, oltre che nelle strutture portanti dei computer. Tradotto in numeri, il nuovo materiale può sopportare il carico di 6-8 tonnellate per cm2, contro le 1,5 dei compositi in fibre di carbonio; inoltre, rispetto alle fibre di carbonio o al più comune kevlar, ha un costo inferiore di almeno 10 volte per chilogrammo.

A questo punto Sozzani e i suoi stanno seriamente pensando di depositare il brevetto.

(Mario Gargantini)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.