BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INNOVAZIONI/ Plastica “invisibile” e smartphone per i test diagnostici del futuro

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio
<< Prima pagina

In questo contesto, la soluzione da noi proposta combina l’accuratezza di un metodo di laboratorio con la semplicità tipica dei metodi lateral-flow. Come per questi ultimi, l’operatore deve solo inserire il campione da esaminare nella cartuccia usa-e-getta e aspettare, senza la necessità di alcun trattamento preliminare. Quindi, non è affatto necessario che il test sia eseguito da personale esperto. Il risultato è quantitativo ed è disponibile dopo pochi minuti. Inoltre, in una singola cartuccia di misura si possono inserire decine di analisi diverse, da eseguire in parallelo sullo stesso campione.

Ad esempio?

Giusto per fare degli esempi, si può immaginare di avere una singola cartuccia per un insieme di indicatori diagnostici per una tipologia di malattia, come l’epatite, o per un insieme di malattie che vengono spesso valutate contemporaneamente, come le malattie infettive sessualmente trasmissibili. Diversamente, nel settore della sicurezza agroalimentare, si può verificare rapidamente e con costi ridotti l’assenza di diversi patogeni in un singolo campione di latte o vino oppure l’assenza di sostanze che possono dare allergie.

Il materiale che utilizzate richiede un particolare trattamento?

Il materiale utilizzato, anche se presenta caratteristiche ottiche peculiari (avendo un indice di rifrazione simile a quello dell’acqua), a prima vista sembra un semplice pezzo di plastica trasparente e non necessita di particolari trattamenti per poter essere utilizzato nel nostro metodo; infatti, può essere lavorato con le metodiche di stampaggio, taglio e lappatura comuni a tanti materiali “standard”. Questa caratteristica contribuisce a mantenere relativamente basso il costo potenziale di produzione delle cartucce di misura.

Il trattamento a più elevato contenuto tecnologico, anzi bio-tecnologico, è quello richiesto per fornire a questa plastica la capacità di catturare le molecole (ad esempio proteine) oggetto del test.

Come si ottiene questa funzione?

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >