BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

MORTO JEFF HANNEMAN/ L'infettivologo: così un ragno ha ucciso il chitarrista degli Slayer (dopo due anni)

Foto InfophotoFoto Infophoto

E' come se questa “dermonecrosi” fosse una ferita continua che, ovviamente, rimane per lungo tempo esposta a infezioni, esattamente come avviene nel caso di ustioni. Non bisogna mai dimenticare che la cute è una barriera efficacissima e che in questi casi viene a mancare. Nel caso del chitarrista si è quindi venuta a generare questa fascite necrotizzante che purtroppo ancora non si riesce a curare a dovere. Gli antibiotici, infatti, non riescono ad arrivare in concentrazione adeguata a quel livello di infezione.

Cosa si può fare quindi? 
Senza dubbio è necessaria una grande attenzione nel trattamento successivo al primo incidente che deve essere immediato e privo di rischi infettivi, per esempio attraverso medicazioni adeguate e trattamenti ospedalieri in ambienti sterili.

Come mai è stata un’insufficienza epatica a provocare la morte di Jeff Hanneman? Cosa c’entra il fegato? 
Il fegato è un filtro naturale e un recuperatore di materiali danneggiati. Nel caso di una ferita continua di questo tipo, quindi, si verifica sostanzialmente un eccesso di lavoro a livello epatico e si può attivare un conseguente shock settico, una diffusione generalizzata dell’infezione che può portare alla morte.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.