BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL PUNTO/ Ostriche galleggianti per catturare l’energia delle onde marine

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto
<< Prima pagina

Non è difficile comprendere che per la tecnologia di sfruttamento del moto ondoso si aprono le prospettive migliori nei paesi dotati di ampie zone costiere prospicenti gli oceani (meglio se scarsamente abitate), dove in genere il moto ondoso è più intenso e costante. Per concludere questa rapida panoramica, accenniamo al fatto che presto vedremo un’applicazione anche in Italia, per il tramite della società pisana “40South Energy”, la quale ha sviluppato una sua tecnologia originale, con caratteristiche molto interessanti essendo basata su moduli completamente sommersi che variano automaticamente la loro profondità di immersione a seconda delle condizioni del mare, mantenendosi sempre al riparo dagli effetti dirompenti delle tempeste (è classificabile nella categoria degli assorbitori a punto fisso). La macchina è inoltre particolarmente semplice da installare e manutenere. Dopo lo sviluppo dei prototipi, avvenuto negli scorsi due anni, un primo sistema commerciale di potenza 150 kW, sarà a breve messa in funzione, in collaborazione con Enel Green Power, al largo delle coste dell’Isola d’Elba; a questa prima installazione dovrebbe far seguito un prossimo scale-up dello stesso concetto alla potenza di 2 MW, con installazione possibile all’isola di Pianosa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.