BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MUMMIE INCA/ Sacrifici umani: bambini nutriti con coca e alcool prima di morire

Pubblicazione:

La "signorina di Llullaillaco"  La "signorina di Llullaillaco"

Gli esami su tre mummie trovate in Argentina gettato nuova luce sulle pratiche di sacrificio dei bambini degli Inca. Gli scienziati hanno rivelato che le droghe e l'alcool giocavano un ruolo chiave nei mesi e settimane prima della morte dei bambini. Gli esami su uno di questi bambini, una adolescente, lasciano intendere che sia stata pesantemente sedata prima del suo decesso. Lo studio è stato pubblicato sul Proceedings of the National Academy of Sciences. La dottoressa Emma Brown, del dipartimento di scienze archeologiche dell'Università di Bradford, ha detto: “Le cronache spagnole suggeriscono che i bambini venivano sacrificati per qualsiasi tipo di ragione: importanti tappe della vita nelle vite degli Inca, in tempo di guerra o di catastrofi naturali, ma c'era anche un calendario dei riti”. Le mummie sono stati trovati nel 1999, sepolte in un santuario nei pressi della vetta di 6.739 metri del vulcano Llullaillaco in Argentina. Tre bambini sono stati sepolti lì: una ragazzina di 13 anni, e un bambino e una bambina più piccoli, molto probabilmente di quattro o cinque anni. I loro resti risalgono a circa 500 anni fa, durante il periodo dell'impero Inca, che ha dominato Sud America fino a quando gli europei arrivarono alla fine del XV secolo. “La conservazione è fenomenale, sono state definite mummie meglio conservate nel mondo”, ha spiegato la dottoressa Brown. “Sembra che questi tre bambini stiano dormendo”. Il team internazionale di ricerca ha svolto test di medicina legale per analizzare i prodotti chimici trovati nei capelli dei bambini. Hanno scoperto che tutti e tre avevano assunto alcool e foglie di coca (da cui si estrae la cocaina) negli ultimi mesi della loro vita. I documenti storici rivelano che queste sostanze erano riservateper l'elite e spesso utilizzate nei rituali Inca. L'analisi dei capelli della ragazza, che erano più lunghi di quelli delle altre vittime, hanno rivelato molto. La ragazza, conosciuta come la "signorina di Llullaillaco", è stata probabilmente più apprezzata rispetto ai due bambini, per il suo perfetto stato di conservazione. Gli esami sulle sue lunghe trecce hanno rivelato che il consumo di coca è aumentato bruscamente un anno prima della sua morte. Gli scienziati ritengono che corrisponde al momento in cui è stata scelta per il sacrificio. La ricerca rivela anche che la sua dieta è cambiato in quel periodo, passando da una dieta contadina a base di patate a una ricca di carne e mais. La dottoressa Brown ha spiegato: "Da quello che sappiamo delle cronache spagnole, gli Inca sceglievano principalmente donne attraenti. Tra gli Inca c'era chi cercava queste giovani donne che venivano prelevate dalle loro famiglie”. I risultati hanno rivelato che la ragazza ha ingerito anche grandi quantità di alcool nelle ultime settimane della sua vita. La ricerca rivela che la ragazza e gli altri bambini erano sedati quando sono stati portati al vulcano, deposti nelle loro tombe e lasciati morire. "Nel caso della fanciulla, non vi è alcun segno di violenza. È incredibilmente ben curata. Ha i capelli ben curati e dei bei vestiti", ha detto la dottoressa Brown. "Crediamo che la  combinazione di essere posti nella tomba dopo aver assunto alcol e il freddo - la montagna si eleva oltre 6.000 metri sul livello del mare – abbia provocato la morte senza dolore”. Le mummie sono ora conservate nel Museum of High Altitude Archaeology a Salta, Argentina.



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
30/07/2013 - Mummie news (Guido Gazzoli)

veramente la storia dei sacrifici della civiltà quechua operati in altitudine ( questi erani i luoghi preposti al rito ) si è sempre saputa...come pure del modo in cui le giovani vittime venivano preparate...basta lòeggere il manuale dell'Archeologia Incaica scritto 30 anni fa da Federico Kaufmann Doig ( uno dei massimi esperti in materia) per "scoprirlo"...