BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INNOVAZIONE/ Miliardi di nanoparticelle “spruzzate” per diventare farmaci

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ci sono innovazioni che derivano dalla combinazione di altre innovazioni e spesso il risultato è superiore alla somma dei singoli contributi. È il caso di una tecnologia presentata sull’ultimo numero della rivista Advanced Materials da due team del MIT di Boston e della University of North Carolina (UNC) di Chapel Hill in un articolo che vede tra gli autori Paula Hammond, David H. Koch Professor di ingegneria chimica al MIT e membro del Koch Institute for Integrative Cancer Research, Joseph DeSimone e William R. Kenan Jr. docenti di Chimica presso la UNC.

L’innovazione consiste nella combinazione di una nuova tecnologia di rivestimento sviluppata presso il MIT e di un nuovo sistema di produzione di nanoparticelle sviluppato nei laboratori di Chapel Hill. L’insieme offre un modo per produrre rapidamente in serie nanoparticelle su misura appositamente rivestite per applicazioni specifiche, comprendenti medicinali e elettronica. Grazie all’abbinamento delle due tecnologie esistenti, gli scienziati possono produrre particelle uniformi molto piccole con strati “personalizzati” di materiale in grado di trasportare farmaci o altre molecole pronte ad interagire con l’ambiente o indirizzate a specifici tipi di cellule. La realizzazione di lotti altamente riproducibili di nanoparticelle rivestite e ingegnerizzate può risultare molto importante per la produzione sicura e certificata di farmaci.

Sono le promesse della nano fabbricazione, che sta facendo rapidi passi avanti. Nel laboratorio di Hammond in precedenza era già stata sviluppata una tecnica molto versatile di deposizione strato-su-strato per rivestimenti superficiali di nanoparticelle con strati alternati di farmaci, RNA, proteine o altre molecole di particolare interesse.

Tuttavia, i processi strato-su-strato oggi comunemente utilizzati per rivestimenti con nanoparticelle richiedono troppo tempo per essere considerati utili nella produzione su larga scala, che richiede rapidità. Per ogni strato, le particelle devono essere immerse in una soluzione del materiale di rivestimento, poi passate in una centrifuga per rimuovere l'eccesso di rivestimento; l'applicazione di ogni strato richiede circa un'ora.



  PAG. SUCC. >