BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL PUNTO/ In difesa della Geografia

Pubblicazione:

Galleria delle carte geografiche dei Musei Vaticani (particolare)  Galleria delle carte geografiche dei Musei Vaticani (particolare)

Si è da poco concluso al campus universitario di Arcavacata, all’Università della Calabria, il Convegno dedicato alle “Giornate della Geografia 2013”, tradizionale appuntamento scientifico dei geografi italiani e non solo, con lo scopo di mantenere vivo il dialogo sul significato di tale disciplina e per condividere esperienze di ricerca e di didattica negli Atenei italiani.

Al di là della buona riuscita dell’appuntamento tra geografi, delle interessanti presentazioni realizzate in Aula Magna, dell’accoglienza molto apprezzata dagli ospiti, è emerso con toni preoccupati il rischio di una progressiva scomparsa della disciplina dagli insegnamenti delle scuole secondarie e, quindi, di conseguenza anche dalle Università stesse.

In un momento in cui tutti i sistemi di riferimento della vita sociale, politica, culturale ed economica mostrano la debolezza dei propri contenuti strutturali, la Geografia sembra essere diventata la Cenerentola di tutte le discipline, la più povera e quindi la più disprezzata, in quanto ritenuta inutile per la formazione delle nuove generazioni.

Ai tempi della riforma Gelmini ci siamo battuti con grande energia, assieme all’amico De Vecchis (Presidente dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia), per tentare di bloccare quelle che ci apparivano come delle scelte irrazionali, prive di logiche, assurde in quanto scelte politiche, ma non è bastato. Il Ministro pro tempore si mostrò sordo ai nostri ripetuti richiami e usò il bisturi senza anestetizzanti. Forse avremmo dovuto chiederci in modo più approfondito il perché di questa scelta ed avere contezza di come la didattica veniva e viene tuttora insegnata nelle scuole e in Università, con quale dedizione, con quale entusiasmo, con quale desiderio di comunicazione reale ai volti delle persone che abbiamo di fronte.

Quante volte, anche noi geografi, ci siamo posti la fatidica domanda “a che cosa serve la Geografia?” e abbiamo offerto continuamente delle risposte più o meno elaborate ma fondamentalmente rivolte a noi stessi e non al mondo istituzionale e politico che, invece, riceve segnali da parte degli studenti e dai loro docenti piuttosto negativi, assumendo come parametro di riferimento il rifiuto di conoscere a memoria nomi di fiumi, mari, laghi e monti, senza riuscire a comprendere la loro natura e le loro peculiarità.

Eppure, da oltre un secolo la Geografia non è più la litania delle lunghezze, delle altezze o dei toponimi: un po’ alla volta è diventata l’autocoscienza della terra, cioè quel luogo del sapere scientifico, forse l’unico, dove natura, fenomeni e relazioni reciproche rappresentano il metodo attraverso il quale la conoscenza del Pianeta assume significato e orizzonte interpretativo. Insomma, se da un lato occorre combattere in sede istituzionale e politica, gomito a gomito con gli storici, i letterati, gli umanisti, i fisici e i matematici per sostenere delle posizioni strutturate nella scuola, per altri versi occorre ribadire al mondo della conoscenza che il ruolo della Geografia è diversamente articolato rispetto a quello delle materie tradizionali.

Se l’informatica, la lingua inglese e la statistica, ad esempio, possono essere concepite come campi di conoscenza infrastrutturali o di servizio per la comunicazione e per l’informazione, parimenti bisogna riuscire a divulgare a studenti, politici e amministratori che la Geografia è il luogo di sintesi delle molteplici relazioni che si sviluppano su un determinato territorio, relazioni che nessun’altra materia è in grado di promuovere o realizzare e che producono un nuovo e più efficiente livello di conoscenza della realtà ambientale. Un fiume non è soltanto lungo, largo e con una certa portata d’acqua, ma appartiene ad un bacino idrografico, a una morfologia del territorio sulla quale scorre, dove gli esseri umani, gli animali e le piante usufruiscono di tale risorsa in misura differente e con criteri d’uso determinati anche dalle legislazioni vigenti.

Quale altra disciplina può affermare un simile livello di consapevolezza della realtà? La maggior parte delle discipline scientifiche rivolte alla conoscenza del Pianeta indaga, secondo differenti approcci metodologici, la “materia” di cui è composto: dalla roccia madre ai vulcani, dalla tessitura dei terreni al volume o alla velocità di caduta al suolo di una goccia d’acqua, dall’intensità dell’irraggiamento solare agli uragani ed ai tifoni.



  PAG. SUCC. >